MIRRORS
Lights And Offering

 
Tags:
 
16 Maggio 2011
 

Mirrors. Esistono ben sei band con questo nome nella scena musicale. I primi sono una band proto-punk di Cleveland, segue una alt rock band dell’Iowa, vi sono inoltre un quartetto brit rock dei paesi bassi, una band new wave giapponese ed una collaborazione musicale tra Micheal Cota e Benjamin Evans. Il sesto gruppo con questo nome proviene da Brighton, Inghilterra, e produce quella che i membri stessi definiscono musica “pop noir” ed “electro soul”.

I Mirrors di James “Noo” New (voce e sintetizzatori analogici) nascono dalle ceneri degli indie rock Mumm-Ra nel 2008, spostando l’attenzione dalla pura dimensione musicale al visuale, concentrandosi sull’outfit e sullo studio accurato degli artwork e dei video. Nel 2009 producono un primo demo di canzoni, il quale contiene, tra le altre, l’electropop “Fear of Drowning”, e rilasciano il primo singolo dalle forti influenze synth pop “Look at Me”. Ad un anno dalla pubblicazione dell’EP Broken by Silence esce il primo album in studio, sunto delle diverse pubblicazioni della band fino ad oggi.

”Lights And Offerings” è pertanto una sintesi delle registrazioni precedenti che racchiude brani solari e più cupi, marcatamente elettronici e dalle richiami spiccatamente anni ’80. In “Hide and Seek”, ad esempio, Noo sussurra be sad if you’re feeling sad/but don’t play glad if you’re feeling sad utilizzando testi dalle risonanze poetiche per dipingere l’album di tinte più malinconiche e cupe. Brani dalle influenze synth-glam e dance, ricchi di beat e un crescendo di sintetizzatoti sono ad esempio “Searching in the Wilderness” e “Somewhere Strange”, le quali contrastano con il sognante electropop di “Write through the Night”. Il compito di chiudere l’album è affidato a “Secrets”, un brano composto da dieci minuti di coralità, in un crescendo di tensione affidato a suoni industriali e marcatamente tecnologici.

I Mirrors attingono dal synth-glam dei Depeche Mode, l’onirico electropop dei Cut/Copy e gli spazi ambient degli Arcade Fire in un inusuale incontro tra elettronica degli anni ’80 e il synth-pop della nuova generazione, dimostrando che c’è molto da scoprire dietro questi quattro ragazzi vestiti di tutto punto con giacca e cravatta.

  • MySpace
  • BUY HERE
Lights And Offering
[ Skint – 2011 ]
Similar Artist: The New Division, Chapel Club
Rating:
1. Fear Of Drowning
2. Look at Me
3. Into the Heart
4. Write Through The Night
5. Ways To An End
6. Hide and Seek
7. Somewhere Strange
8. Something On Your Mind
9. Searching In The Wilderness
10. Secrets

Ascolta “Lights And Offering” [Preview]

Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Florist – Florist

A tre anni esatti di distanza dal suo terzo LP, “Emily Alone”, Florist ha realizzato questo suo omonimo nuovo lavoro sulla lunga ...

Danger Mouse & Black Thought ...

Sodalizio di lunga data quello tra Tariq Trotter / Black Thought e Brian Burton / Danger Mouse visto che risale al lontano 2005 / 2006 ma il ...

Sylvan Esso – No Rules Sandy

Dieci anni di carriera, anniversario importante per i Sylvan Esso che celebrano l’arrivo in doppia cifra con un nuovo album, “No Rules ...

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Recent Comments