ALESSI’S ARKS
Time Travel

 
Tags: ,
 
18 Maggio 2011
 

Mi piaceva l’idea di una barca dove ognuno è il benvenuto, anche amici che sono fisicamente lontano; siamo tutti insieme. Questa è la spiegazione del nome d’arte scelto da Alessi Laurent-Marke, meglio conosciuta come Alessi’s Ark. Tornano a risuonare le note velatamente malinconiche della cantautrice inglese di Hammersmith, un piccolo paesino di West London, regalando con “Time Travel” l’ennesima incursione folk-pop racchiusa in una fluttuante capsula temporale.

A soli ventuno anni la giovane cantautrice può vantare una serie di successi iniziati nel 2007 con l’autoprodotto EP “Bedroom Bound”, registrato nella sua camera da letto e inizialmente uploadato sul suo My Space. All’alba del suo diciassettesimo compleanno Alessi ha firmato un contratto con la Virgin Records, e nel 2009 è uscito l’album Notes from the Treehouse, presentato dal singolo “Over the Hill”.

”Time Travel” nasce dal nuovo accordo stipulato con la Bella Union, in un incontro tra folk soul accompagnato da una voce delicata e matura. Alessi crea una bolla in cui racchiude tutte le sfaccetture più intime della sua esperienza, tanto musicale quanto di vita. Questa è una collezione di canzoni che sono crescute maggiormente dal mio viaggiare e i miei tour, lontano dall’atmosfera familiare di casa, dei miei parenti e degli amici. Si tratta di una continua tensione tra felicità e nostalgia, sicurezze e cambiamenti. “Run”, ad esempio, narra della capacità di lasciare andare le persone se necessario, mentre “Wire” racconta del tempo che passa e di un uomo che non è riuscito a raggiungere i propri ideali.

”The Robot” risuona come una ritmata incursione pop, più fresca e solare, mentre the Fever gioca su suoni sussurrati, presi in prestito dall’antica tradizione giapponese. “Kind of Man” invece strizza l’occhio al blues incorporandosi con il soul più pacato e malnconico.
La stessa Alessi ammette di essersi da sempre ispirata tanto al country rock di Neil Young e Graham Nash quanto al sound dei Bright Eyes, che spesso compaiono all’interno di questa breve incursione di 12 tracce – le quali spesso non superano i 2 minuti. “Time Travel”, come suggerisce il titolo stesso è un viaggio all’interno di quelle memorie che segnano il processo di crescita in cui ognuno, nel bene o nel male, tenderà prima o poi a riconoscersi.

Cover Album

  • Website
  • MySpace
  • BUY HERE
Time Travel
[ Bella Union – 2011 ]
Similar Artist: Norah Jones, Karen Elson
Rating:
1. Kind of Man
2. Wire
3. On the Plain
4. Must’ve Grown
5. Time Travel
6. The Fever
7. Blanket
8. Maybe I Know
9. Stalemate
10. The Robot
11. Run
12. The Bird Song

Ascolta “Wire”

Tracklist
 
 

Alice Boman – Dream On

E’ già da qualche anno che il nome di Alice Boman è sui radar dei principali siti musicali in giro per l’Europa e non solo, ma la ...

Brunori Sas – Cip

Il cantautore calabrese, uno dei più apprezzati del panorama musicale italiano, sembra aver già conquistato tutti, pubblico e critica, con ...

Pinegrove – Marigold

I Pinegrove sono tornati con il loro quarto album – il loro primo per Rough Trade Records – che arriva a distanza di appena un anno ...

A Girl Called Eddy – Been ...

Beh, ma chi lo avrebbe mai detto? Avere fra le mani una nuova uscita a nome A Girl Called Eddy…giuro non ci speravo più. Ma, come ...

Field Music – Making A New ...

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato ...