banner

COLIN STETSON
New History Warfare Vol 2: Judges

27 maggio 2011

TAGS:

Colin Stetson non è solo un prezioso turnista (incredibile il suo curriculum, che vanta collaborazioni con Arcade Fire, TV on the Radio, Feist, Laurie Anderson -che ritroviamo anche in questo album, come scoprirete successivamente- Tom Waits, Lou Reed, David Byrne, Jolie Holland, Sinead O’Connor, LCD Soundsystem, The National, Angelique Kidjo, Anthony Braxton e Bon Iver, che accompagnerà nel suo prossimo tour ), ma è anche un compositore coraggioso, assai forbito e cerebrale ma anche a suo modo viscerale.

Lo strumento sul quale si imperniano le composizioni racchiuse in questo suo secondo album solista è uno sassofono basso reso incredibilmente espressivo attraverso movenze sia sinuose che brutali. In realtà bisognerebbe dire che lo strumento protagonista è tutto Stetson stesso: la tecnica di respirazione circolare e il suo particolare senso del ritmo fanno sì che vi sia una speciale tensione e relazione fisica tra lui e il suo sax. Il risultato è dunque una musica cervellotica ma anche, appunto fisicissima, pura e selvaggia ma senza essere violenta, ricca di momenti “implosivi”, di ruvide contrazioni e spasmi slabbrati che mal celano guizzi di spumeggiante vitalità. Una musica superficialmente fredda e impenetrabile ma internamente calda e palpitante.

La polpa viva del disco si incomincia a intravedere in particolar modo a partire dalla terza traccia, la vibrante” The Stars In His Head”, composizione attraversata da pulsazioni quasi angoscianti e ipnotici vocalizzi ancestrali. Ancora più convulsa (anzi molto di più) è “From No Part Of Me Could I Summon A Voice”, dove le saettanti circonvoluzioni del sax basso evocano un disorientante senso di vertigine apocalittica, come se si fosse continuamente sballottati tra abissi infernali e vallate celesti senza soluzione di continuità, un po’ come accade in “The Righteous Wrath Of An Honorable Man”, solo che questa tende un po’ di più verso una certa soavità. L’album accoglie anche delle voci: in “A Dream Of Water” (sempre ricca di febbricitanti contorsioni) e “Fear Of The Unknown And The Blazing Sun” troviamo il parlato della grande Laurie Anderson. Ma in quest’ultimo brano troviamo anche la cantante Shara Worden intenta a rivestire le ritmiche metalliche e i lamenti strumentali di notturna e solenne voluttà.

New History Warfare Vol 2: Judges
[ Constellation - 2011 ]
Similar Artist: Anthony Braxton, Godspeed You! Black Emperor, Glenn Branca
Rating:
1. Awake On Foreign Shores
2. Judges
3. The Stars In His Head (Dark Lights Remix)
4. All The Days I’ve Missed You (Ilaij I)
5. From No Part Of Me Could I Summon A Voice
6. A Dream Of Water
7. Home
8. Lord I Just Can’t Keep From Crying Sometimes
9. Clothed In The Skin Of The Dead
10. All The Colors Bleached To White (Ilaij II)
11. Red Horse (Judges ll)
12. The Righteous Wrath Of An Honorable Man
13. Fear Of The Unknown And The Blazing Sun
14. In Love And In Justice

Ascolta “Judges (Preview)”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…