banner

CASS MCCOMBS
Wit’s End

30 maggio 2011

TAGS:

Saranno almeno trenta volte che mi siedo per scrivere questa recensione e poi mi rialzo non trovando le parole esatte per comunicare cosa ho trovato nel quinto album di Cass McCombs, ex nomade dell’indie americana oramai di stanza a San Francisco.

Avrò ascoltato per lo meno venti volte “Wit’s End” e solo ora, mentre la data di uscita si allontana inesorabilmente vanificando lo sforzo di scrivere di un’opera che rischia di perdersi nel marasma delle uscite discografiche pre-estive, trovo il coraggio delle mie idee. Questo disco non mi piace, non mi piace perché è lento, con pezzi troppo lunghi, levigati fino all’esasperazione, inutile ma non abbastanza da potersi dire naif. Eppure ne ho letto un gran bene su Pitchfork, la bibbia praticamente, come mi permetto di scrivere o anche solo di pensare queste cose? Ma questa è l’unica via per portare a casa la recensione che ho voluto fare.

Le canzoni di Cass McCombs denunciano una palese mancanza di immediatezza, di necessità di comunicazione; certo son ben suonate, riccamente arrangiate, dal sapore notturno e ammiccante, perfette, perfettamente perfette. Noiose. Nelle vene di queste otto tracce non scorre il sangue nero della sofferenza, ma neppure quello rosso della vita vissuta e non bastano certo titoli come “Buried Alive”, “Hermit’s Cave” o “The Lonely Doll” per far cambiare il mio giudizio. “Wit’s End” è il correlativo oggettivo di un mojito sui Navigli, del sugo bolonnaise dei ristoranti “italiani” all’estero o del ketchup nel kebab: una colpevole finzione.

Ecco perché ne ho letto un gran bene su “Pitchfork”, perché su quelle pagine si privilegia la novità, spesso fine a sé stessa oppure il lavoro di facciata. Ma se il gioco può reggere quando parliamo dei “nuovi generi” (che poi nuovi non lo sono mai), qua non ce la fa perché i grandi autori del folk lo sono anche grazie alla capacità di “sporcarsi” con la vita, di sgualcirsi la camicia che Cass indossa perfettamente stirata.

Wit’s End
[ Domino - 2011 ]
Similar Artist: Bill Callahan e le sue incarnazioni, Jason Molina altrettanto, Bonnie “Prince” Billy.
Rating:
1. County Line
2. The Lonely Doll
3. Buried Alive
4. Saturday Song
5. Memory’s Stain
6. Hermit’s Cave
7. Pleasant Shadow Song
8. Knock Upon the Door

Ascolta “County Line”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…

Another Language

THIS WILL DESTROY YOU
Another Language

A pensarci bene, per il grande disco dei This Will Destroy You bisognerà ancora…