KURT VILE
Smoke Ring For My Halo

 
Tags:
 
3 giugno 2011
 

La vita di Kurt Vile prima di “Smoke Ring For My Halo”, il quarto album dell’artista Philadelphia e sicuramente il suo compromesso più riuscito, deve essere stato questo incessante peregrinare nei territori del nervoso cantautorato americano con qualche vena freak nel tentativo di trovare una chiave che fosse solo sua. Vale a dire, imparare tutto da certi maestri- se è opportuno definirli tali dato che non si tratta di oscuri profeti texani ma di vecchi amici di Billboard come Tom Petty e John Mellencamp- per dimenticare il loro nome.

Nonostante l’operazione gli riesca solo in parte, le interruzioni, i rinvii e il linguaggio medio di cui questo disco si fa colpevole non impediscono a Kurt Vile- un nome che sarebbe stato inadeguato a una pompa di benzina o più in generale ovunque fuori da un palco- di confezionare brani alienati ed eleganti come “Society My Friend”, che è insieme il manifesto commerciale dell’album ma anche la sua via di accesso più bella.

Le chitarre intimiste sempre sul punto di prendere la tangente, la semplificazione degli accordi e qualche eversione sintetica sono i motivi contraddittori di un disco abbastanza calibrato da avere la meglio anche su un ascoltatore che quei territori nervosi non riesce proprio a frequentarli.

A differenza di “Childish Prodigy” del 2009, che era un disco schermato e dall’identità ancora confusa, “Smoke Ring For My Halo” compie infatti uno sforzo di denudamento, a partire dalla retorica auto indulgente della title-track.

Il risultato potrà piacere o meno, è tuttavia innegabile che Kurt Vile non riesce ancora a sferrare il colpo decisivo: che sia colpa di certe correnti anni Settanta scrutate con troppo attenzione, delle parole mai contagiose o dei maestri di cui evidentemente non ha ancora disimparato il nome, non è dato saperlo.

Smoke Ring For My Halo
[ Matador – 2011 ]
Similar Artist: Tom Petty, Bill Callahan
Rating:
1. Baby’s Arms
2. Jesus Fever
3. Puppet to the Man
4. On Tour
5. Society is My Friend
6. Runner Ups
7. In My Time
8. Peeping Tomboy
9. Smoke Ring For My Halo
10. Ghost Town
11. (shell blues)

Ascolta “Jesus Fever”

Tracklist
 
  • Helmut

    Grande disco, Kurt Vile uno coi coglioni devo dire…

  • http://www.indieforbunnies.com Barocciga

    Dopo un discreto entusiasmo iniziale, mi ha lasciato un po’ freddo, a dire il vero.. Le canzoni non decollano e l’effetto noia fa capolino abbastanza presto.

  • Dan

    disco sola dell’anno: fatto passare per memorabile, è un dischetto discreto con un paio di pezzi sopra la media. noiosetto. la cosa migliore di Vile sono i riferimenti.

  • Kevin

    Non credevo ci fosse in giro un altro Kurt cosi valido come in questo disco bellissimo!

 

Afterhours – Folfiri O Folfox

È davvero difficile parlare di un album come “Folfiri o Folfox”, non solo per la…

Bibio – Mineral Love

Innamorarsi a volte è doloroso. Anche se si sa che solo gli idioti ci cascano,…

Margaret Glaspy – Emotions ...

La stampa specializzata Americana e non solo l’ha da tempo messa sotto “focus” per via…

Camp Cope – Camp Cope

Chi sono le Camp Cope; una fantastica band all female australiana, un trio effervescente chi…

Rival Consoles – Night Melody

È un’estate decisamente ricca di impegni quella che stanno attraversando gli artisti dell’etichetta Erased Tapes:…