JESSE SYKES AND THE SWEET HEREAFTER
Marble Son

 
 
8 Giugno 2011
 

“Marble Son” è un disco in cui sono entrato malvolentieri e ancora oggi lo ascolto più per dovere che per piacere. La cosa singolare è che siamo al cospetto di un lavoro tutto sommato sufficiente; le mie resistenze sono dovute a sensazioni “epidermiche” poco appaganti con la musica che propone. A volte sono i dischi a venire da noi, in questo caso io e lui giriamo alla larga l’uno dall’altro. Era una precisazione doverosa da fare perché quanto segue è frutto di un grande sforzo personale: amettere due righe in fila senza l’aiuto dell’emotività che di solito comunica un ascolto è spesso un’impresa titanica.

Poco meno di un’ora (pure troppo) di folk dalle tinte fosche, vicino alla tradizione americana classica, tra ballate alcoliche e cavalcate elettriche. Onde sinusoidali di concolamata eleganza in cui affondano le armonie vocali sottili e sbilenche di Jesse Sykes. Niente di nuovo sotto il sole, il tutto pare anche troppo pastoso e diluito per essere convincente al cento per cento. Una fatica, almeno per il sottoscritto, arrivare in fondo alla scaletta senza essere preda degli sbadigli. Una bella prova calligrafica di folk-rock, un po’ prolissa e autoindulgente. Nessuna emozione all’orizzonte, magari qualcuno sarà più fortunato di me e ci troverà qualcosa di più ‘vivo’.

Cover Album

Marble Son
[ Fargo/Naive – 2011 ]
Similar Artist: Johnny Cash, 16 Horsepower, Woven Hand
Rating:
1. Hushed By Devotion
2. Marble Son
3. Come To Mary
4. Servant Of Your Vision
5. Ceilings High
6. Be It Me, Or Be It Done
7. Pleasuring The Divine
8. Instrumental
9. Birds Of Passerine
10. Your Own Kind
11. Wooden Roses

Ascolta “Come To Mary”

Tracklist
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...