BON IVER
S/T

 
Tags: ,
 
di Laura Lavorato
20 giugno 2011
 

Abbiamo atteso Bon Iver dal 2007, da quando “For Emma, Forever Ago” si è insinuato nelle orecchie e nel nostro cuore di ascoltatori. Se fosse una storia d’amore le canzoni di “For Emma” non sarebbero sms o email ma lettere scritte su bigliettini improvvisati, improbabili ed eccezionali istantanee emozionali.

Ad un primo ascolto del nuovo disco omonimo, come amanti pazienti oggi siamo colti dall’immediata consapevolezza che l’attesa è stata ripagata, che non ci siamo traditi e non siamo stati traditi, che quel filo conduttore tra noi e la musica di Justin Vernon non è stato spezzato. Per ogni lettera di “For Emma”, oggi ci sono tante cartoline, un diario di viaggio, come se Vernon stesso fosse uscito dalla sua stanza, dai suoi accordi scheletriti e dal suo lirismo spezzato per consegnarci il resoconto del suo percorso, per dirci che non si è dimenticato di farci sapere cosa c’è dentro e fuori da quella stanza. Per renderci ancora una volta partecipi delle sue ambientazioni sonore che si arricchiscono in questo nuovo album di strumentazioni più dense, più consistenti.

I testi non sono più appesi al falsetto di Vernon ma vivono in sincrono con arrangiamenti strutturati, distorsioni, riverberi, beat downtempo o sassofoni come in “Minnesota WI” e “Hinnom TX”. Percussioni da marching band e chitarra elettrica per l’apertura di Perth, ancora rimpiazzo della vecchia acustica ed impianto melodico più consistente in “Towers”, squarcio di bellezza tra i migliori prodotti dal cantautore americano. Tenue e pop la chiusura di “Beth/Rest” mentre l’inconfondibile voce dell’autore si fonde e colora la barriera dei synth per “Calgary”, meravigliosa cifra di stile del ‘nuovo’ Bon Iver.

Un disco che senza rinunciare ad una vibrante carica emotiva, suona maturo, aperto e meno ostinatamente ripiegato su se stesso ed in cui persino i brani più marcatamente introspettivi come “Michicant” assumono toni meno drammatici e assoluti rispetto al passato.

C’è chi dice “toccare il cielo con un dito” ma con questo album Bon Iver fa qualcosa di più intenso e disarmante. Bon Iver tocca il mondo con un dito. E se fossero cartoline, vorrei che la mia venisse da Calgary.

Bon Iver
[ 4AD – 2011 ]
Similar Artist: Volcano Choir, The Antlers, Fleet Foxes
Rating:
1. Perth
2. Minnesota, WI
3. Holocene
4. Towers
5. Michicant
6. Hinnom, TX
7. Wash
8. Calgary
9. Lisbon, OH
10. Beth/Rest
Tracklist
 
 

Function & Vatican Shadow ...

Certe città sono dei contenitori troppo grandi, mastodontici aggregati di parallelepipedi in cui perdersi. In…

Loscil – Sea Island

Scott Morgan e la Kranky, la Kranky e Scott Morgan. Il canadese, l’etichetta di Chicago…

Mark Lanegan Band – Phantom ...

Che Mark Lanegan sia un genio è cosa assodata, nomi come Screaming Trees e Queens…

Caribou – Our Love

Tornare a parlare di una delle personalità più multiformi e incisive della musica elettronica degli…

Thurston Moore – The Best Day

Sin già dai primi secondi del quarto disco solista di Thurston Moore, gli armonici che…