banner

GABLE’
CuTe HoRSe CuT

20 giugno 2011

TAGS: ,

Quando non si seguono schemi convenzionali i risultati possono esssere elettrizzanti.
La fantasia esautora le sperimentazioni concettuali e l’ampio ventaglio di possibilità espressive si apre in grandeur.
Questo è cio’ che fanno i Gablè.

Giunti al terzo album sparano in allegria 19 divertissements altamente culturali.
Divisi tra il freak e il bambino che è in noi, ” Cut Horse Cut ” si inghiotte tutto.
Decostruzionismo che elude la sofisticazione (sulla linea obliqua dei Chap per orientarci, e perché no dei Fiery Furnaces nell’attitudine), manipolazioni di materia folk con dosi di elettronica naif e cut ‘n’ paste di magistrale coerenza.
Il sollazzo e’ spiazzante.

Un calembour sonoro di bizzarrie elettroniche, pianoforti giocattolo, rumori e cammei di animali.
Luminose non-canzoni che raschiano tra l’hip hop biascicato,pop song spazzate via da scatti spastici,banjo e violoncello rivitalizzati in chiave moderna.
Si va dal taglio rock/ ironico di ”Bunch” fino alla -quasi ‘’silly song”- di ”Brick Trick” (violoncello+clap-hands da girotondo sull’erba prima dell’imprevedibile).
L’energica ”Who Tells”, intro vagamente punk,degenera fiabesca tra rumori e interferenze canine.
Sempre in bilico tra l’assurdo e l’elettronica consapevole, le intuizioni spuntano come funghi sotto una pioggia di eclettismo.

Stop ‘n’ go e sustain da rintronare (“Samba de la Muerte”), riff di frenesie tra i denti (”Day”), incursioni di aspirapolvere in mezzo a tastiere e percussioni (”0000”).
Traccie scomposte e ricomposte sotto l’impeto creativo della schizofrenia (”Ghost Host”).
L’album viaggia, 40 minuti di entropia illuminata -versi di anatre, gatti, kitchen-tools e vecchi videogames in memoria(”Les Feuilles”).

Tutto gira fluidamente come un carillon stonato.
Per chi non ama la clausura dei generi e le impostazioni predefinite si soffermi qui, i Gablè respirano libertà.

CuTe HoRSe CuT
[ Loaf - 2011 ]
Similar Artist: il folle che è in noi, le tessere sparse dei puzzle
Rating:
1. FuLGe
2. BuNCH
3. BRiCK TRiCK
4. WHo TeLLS you?
5. uNBeaTaBle
6. CyaNuRe
7. HauNTeD
8. Day
9. BuNCH
10. 0000
11. THe SToNe aND THe WoLF
12. ouaC
13. SaMBa De La MueRTe
14. PiLLs
15. GHoSt Host
16. Too FaT To FaRT To FiGHT
17. LeS FeuiLLeS
18. oPPoSiTe PaRTy
19. eeZy PeeZy
20. My DiaMoND PoND

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Barragán

BLONDE REDHEAD
Barragán

Luis Ramiro Barragán Morfín è stato uno dei più importanti architetti del ventesimo secolo.…

Crush Songs

KAREN O
Crush Songs

C’è una mia amica che ogni tanto mi chiede di mandarle un po’ di…

Coyote EP

GRAMLINES
Coyote EP

Quello che stupisce – mettendosi sulla lunghezza d’onda dei padovani GramLines – è quel…

No Bells On Sunday EP

MARK LANEGAN BAND
No Bells On Sunday EP

La discografia di Mark Lanegan è quasi diventata un labirinto; non è facile ricordarsi…

What’s Inside/The Heart of Seashells?

WONDERFLU
What’s Inside/The Heart of Seashells?

Tre ragazzi francesi e un italiano (alla batteria) compongono i Wonderflu, band parigina che,…

Lazaretto

JACK WHITE
Lazaretto

Jack White è un mago della musica: qualsiasi etichetta si voglia affibbiare all’artista statunitense…

The Physical World

DEATH FROM ABOVE 1979
The Physical World

Il piedino che tiene il tempo, come impazzito. Quell’ “uhu uhu uhu” molto White…

Thesis

KING AVRIEL
Thesis

I want people to understand where I’ve come from. And that’s maybe selfish or…