banner

GABLE’
CuTe HoRSe CuT

20 giugno 2011

TAGS: ,

Quando non si seguono schemi convenzionali i risultati possono esssere elettrizzanti.
La fantasia esautora le sperimentazioni concettuali e l’ampio ventaglio di possibilità espressive si apre in grandeur.
Questo è cio’ che fanno i Gablè.

Giunti al terzo album sparano in allegria 19 divertissements altamente culturali.
Divisi tra il freak e il bambino che è in noi, ” Cut Horse Cut ” si inghiotte tutto.
Decostruzionismo che elude la sofisticazione (sulla linea obliqua dei Chap per orientarci, e perché no dei Fiery Furnaces nell’attitudine), manipolazioni di materia folk con dosi di elettronica naif e cut ‘n’ paste di magistrale coerenza.
Il sollazzo e’ spiazzante.

Un calembour sonoro di bizzarrie elettroniche, pianoforti giocattolo, rumori e cammei di animali.
Luminose non-canzoni che raschiano tra l’hip hop biascicato,pop song spazzate via da scatti spastici,banjo e violoncello rivitalizzati in chiave moderna.
Si va dal taglio rock/ ironico di ”Bunch” fino alla -quasi ‘’silly song”- di ”Brick Trick” (violoncello+clap-hands da girotondo sull’erba prima dell’imprevedibile).
L’energica ”Who Tells”, intro vagamente punk,degenera fiabesca tra rumori e interferenze canine.
Sempre in bilico tra l’assurdo e l’elettronica consapevole, le intuizioni spuntano come funghi sotto una pioggia di eclettismo.

Stop ‘n’ go e sustain da rintronare (“Samba de la Muerte”), riff di frenesie tra i denti (”Day”), incursioni di aspirapolvere in mezzo a tastiere e percussioni (”0000”).
Traccie scomposte e ricomposte sotto l’impeto creativo della schizofrenia (”Ghost Host”).
L’album viaggia, 40 minuti di entropia illuminata -versi di anatre, gatti, kitchen-tools e vecchi videogames in memoria(”Les Feuilles”).

Tutto gira fluidamente come un carillon stonato.
Per chi non ama la clausura dei generi e le impostazioni predefinite si soffermi qui, i Gablè respirano libertà.

CuTe HoRSe CuT
[ Loaf - 2011 ]
Similar Artist: il folle che è in noi, le tessere sparse dei puzzle
Rating:
1. FuLGe
2. BuNCH
3. BRiCK TRiCK
4. WHo TeLLS you?
5. uNBeaTaBle
6. CyaNuRe
7. HauNTeD
8. Day
9. BuNCH
10. 0000
11. THe SToNe aND THe WoLF
12. ouaC
13. SaMBa De La MueRTe
14. PiLLs
15. GHoSt Host
16. Too FaT To FaRT To FiGHT
17. LeS FeuiLLeS
18. oPPoSiTe PaRTy
19. eeZy PeeZy
20. My DiaMoND PoND

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…