banner

BEARSUIT
Phantom Forest

6 luglio 2011

TAGS:

I paladini del DIY made in Britain sono tornati; con l’album “Phantom Forest” i Bearsuit ricalcano le scene, sormontati dalla pressione e dalle aspettative di fan e critica. Tutti si aspettano molto dalla “pop band più adorabile d’Inghilterra”, da amare o da odiare, senza possibili compromessi. La band che con il suo alt-punk/art-rock lo-fi ha stregato una intera generazione di indie fans ritorna alla carica con un album gustoso, intrigante, in grado di mantenere le vecchie abitudini e seguire al contempo le nuove tendenze.

I Bearsuit sono un gruppo di Norwich che non ha avuto vita facile. Il gruppo ha subito drastici cambi di line’up (ben sei, fondatrice e batterista Emma Belka compresa) e dall’album “Oh:io” del 2007 ha abbandonato corni, violini e flauti per far spazio a synth e chitarre distorte, in un affascinante mix di art-punk, garage, pop e dance con Phantom Forest. Se ai tempi degli esordi di “Cat Spectacular” John Peel aveva proclamato che “in un’epoca in cui tutto si assomiglia, i Bearsuit non assomigliano a nessuno” ora nulla pare cambiato.

Frenetici, ironici e divertenti (“When will I be Queen?”, “Kwaa-Kwaa”), i Bearsuit spiazzano nuovamente l’ascoltatore con un sound unico, canzoni distintive e caotiche, che in un modo o nell’altro si installano nella mente di chi le ascolta. Il gruppo ripropone uno stile lo-fi più grezzo nell’opener “Princess, you’re a Test”, “Jim’s Henson’s Creature Workshop” e “Cut Loose”, per poi osare coi synth nel pop di “Please don’t Take him Back e Tentacles”. I generi si incontrano occasionalmente in “A Train Wreck”, “Albino Tiger Rescue Squad” e nella meno riuscita “Giant Archaeopteryx”, il cui nome è già una sfida a parte. Interessanti invece il blues di “Ghosts of the Black Hole” e la chiusura diDawn of the Golden Oriole”, brano in cui suoni della natura e un pianoforte la fanno da padrone.

Versatile, eterogeneo, coraggioso e vagamente più mainstream, “Phantom Forest” è un interessante viaggio di una band che ancora una volta si dimostra in grado di sfuggire alle etichette; tutto da gustare.

Phantom Forest
[ Fortuna Pop! - 2011 ]
Similar Artist: The Architecture in Helsinki, The GO! Team, Sonic Youth
Rating:
1. Princess, You’re a Test
2. Please Don’t Take Him Back
3. A Train Wreck
4. When Will I Be Queen?
5. Albino Tiger Rescue Squad
6. Jim’s Henson’s Creature Workshop
7. Cut Loose
8. Ghosts of the Black Hole
9. Tentacles
10. Giant Archaeopteryx
11. Kwaa-Kwaa
12. Dawn of the Golden Oriole

 

Articoli Correlati:

    Non Ci Sono Articoli Correlati

Nessun commento »

Ultime recensioni

Ruins

GROUPER
Ruins

I’m happy for any emotion to present itself in a song, and to give…

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…