banner

BLACK LIPS
Arabia Mountain

13 luglio 2011

TAGS:

I Black Lips stanno facendo carriera e, giunti al sesto album, sono in possesso di una cifra stilistica perfettamente riconoscibile. Canzoni brevi, che entrano subito in testa, dove garage e punk scanzonato vanno a braccetto regalando momenti di puro divertimento catchy come in “Family Tree” e “Modern Art”, uno-due di apertura che invoglia subito ad ascoltare un disco che ha nella freschezza la sua maggiore qualità. C’è spazio anche per un tributo alla mascotte degli Atlanta Braves in “Noc-A-Homa” , squadra di baseball della città natale del quartetto, canzone che non stonerebbe di certo se suonata durante gli intervalli delle partite della Major League.

Così come avviene nei loro live, i Black Lips danno la sensazione di divertirsi come pazzi a suonare la loro musica senza fronzoli, omaggiando band del passato che sono chiarissime influenze per i quattro georgiani: si va dagli Stones di “Dumpster Dive” ai Ramones di “Raw Meat”, fino agli immancabili Beach Boys che riecheggiano nel battimani e negli oh-oh di “Bone Marrow” ma pure nel surf-pop inacidito di “New Directions” (con strofa degna dei più recenti New Pornographers tanto per citare altri figliocci del sempiterno Paul Simon).

Fin qui le note positive. Ciò che lascia più d’una perplessità, trattandosi di un gruppo di simpatici cialtroni, è la straordinaria pulizia della resa finale del disco, insomma mai che le voci si accavallino o che qualche suono vada fuori registro, mai un momento di meraviglioso caos. Non c’è spazio per gli eccessi e le sconcezze stupidelle che tanto mi hanno fatto amare i lavori precedenti, in particolare “200 Million Thousand” che fu vera rampa di lancio per la carriera della band nonché uno dei migliori dischi usciti nel 2009. In poche parole qui manca tutto quello che ha reso speciali i Black Lips innalzandoli al di sopra di tanti altri colleghi dediti ad un genere peraltro piuttosto trito. Il sospetto maggiore è che sia stata sbagliata la scelta di affidare la produzione a Marc Ronson, quotatissimo DJ e producer in ambito pop che ha nel suo portfolio le recenti “prodezze” di Amy Winehouse e Duran che, per carità, saranno pure grandi artisti ma poco hanno a che vedere con i nostri eroi storditi.

Arabia Mountain
[ Vice - 2011 ]
Similar Artist: Ramones, Jay Reatard, Fergus & Geronimo, Crocodiles
Rating:
1. Family Tree
2. Modern Art
3. Spidey’s Curse
4. Mad Dog
5. Mr. Driver
6. Bicentennial Man
7. Go out And Get It
8. Raw Meat
9. Bone Marrow
10. The Lie
11. Time
12. Dumpster Dive
13. New Direction
14.Nock-A-Homa
15. Don’t Mess Up My Baby
16. You Keep On Running

Ascolta “Family Tree”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…