BLACK LIPS
Arabia Mountain

 
Tags:
 
13 luglio 2011
 

I Black Lips stanno facendo carriera e, giunti al sesto album, sono in possesso di una cifra stilistica perfettamente riconoscibile. Canzoni brevi, che entrano subito in testa, dove garage e punk scanzonato vanno a braccetto regalando momenti di puro divertimento catchy come in “Family Tree” e “Modern Art”, uno-due di apertura che invoglia subito ad ascoltare un disco che ha nella freschezza la sua maggiore qualità. C’è spazio anche per un tributo alla mascotte degli Atlanta Braves in “Noc-A-Homa” , squadra di baseball della città natale del quartetto, canzone che non stonerebbe di certo se suonata durante gli intervalli delle partite della Major League.

Così come avviene nei loro live, i Black Lips danno la sensazione di divertirsi come pazzi a suonare la loro musica senza fronzoli, omaggiando band del passato che sono chiarissime influenze per i quattro georgiani: si va dagli Stones di “Dumpster Dive” ai Ramones di “Raw Meat”, fino agli immancabili Beach Boys che riecheggiano nel battimani e negli oh-oh di “Bone Marrow” ma pure nel surf-pop inacidito di “New Directions” (con strofa degna dei più recenti New Pornographers tanto per citare altri figliocci del sempiterno Paul Simon).

Fin qui le note positive. Ciò che lascia più d’una perplessità, trattandosi di un gruppo di simpatici cialtroni, è la straordinaria pulizia della resa finale del disco, insomma mai che le voci si accavallino o che qualche suono vada fuori registro, mai un momento di meraviglioso caos. Non c’è spazio per gli eccessi e le sconcezze stupidelle che tanto mi hanno fatto amare i lavori precedenti, in particolare “200 Million Thousand” che fu vera rampa di lancio per la carriera della band nonché uno dei migliori dischi usciti nel 2009. In poche parole qui manca tutto quello che ha reso speciali i Black Lips innalzandoli al di sopra di tanti altri colleghi dediti ad un genere peraltro piuttosto trito. Il sospetto maggiore è che sia stata sbagliata la scelta di affidare la produzione a Marc Ronson, quotatissimo DJ e producer in ambito pop che ha nel suo portfolio le recenti “prodezze” di Amy Winehouse e Duran che, per carità, saranno pure grandi artisti ma poco hanno a che vedere con i nostri eroi storditi.

Cover Album

Arabia Mountain
[ Vice – 2011 ]
Similar Artist: Ramones, Jay Reatard, Fergus & Geronimo, Crocodiles
Rating:
1. Family Tree
2. Modern Art
3. Spidey’s Curse
4. Mad Dog
5. Mr. Driver
6. Bicentennial Man
7. Go out And Get It
8. Raw Meat
9. Bone Marrow
10. The Lie
11. Time
12. Dumpster Dive
13. New Direction
14.Nock-A-Homa
15. Don’t Mess Up My Baby
16. You Keep On Running

Ascolta “Family Tree”

Tracklist
 
 

John Maus – Screen Memories

“Screen Memories” è un album pieno di presunti arrivi e richiami del tempo, John Maus ci porta alla ricerca di galassie ...

Stars – There Is No Love In ...

Quante grandi band indie rock ha sfornato il Canada nei primi anni Duemila? Troppe per elencarle tutte: oltre alle superstar Arcade Fire, ...

Softsurf – Into The Dream EP

Parlare dell’ EP d’esordio dei Softsurf potrebbe essere un buonissimo punto di partenza per esplorare tutto il mondo dello ...

Tom Rogerson with Brian Eno – ...

Due persone si incontrano in fila ad un concerto, per andare in bagno. Uno dei due è un pianista, Tom Rogerson, con studi classici alle ...

Xenoula – Xenoula

Xenoula, al secolo Romy Xeno, è un’artista in bilico tra due mondi. Nata e cresciuta in Sud Africa si è trasferita in Inghilterra ...