THE ANTLERS
Burst Apart

 
 
13 luglio 2011
 

Peter Silberman avrà pure il volto cupo, la faccia della nutrice pronta ad accollarsi tutti i guai del mondo, ma con la musica ci sa fare. Lo aveva dimostrato appena due anni fa con il quasi capolavoro “Hospice”: concept introspettivo sul rapporto uomo–malattia che Bergman avrebbe accolto con tanto di benedizione. Aveva giocato tutte le sue carte sfoggiando chitarre shoegaze in brani dal retrogusto folk e soul. Aveva concepito un lavoro intimista circondandosi delle quattro mura di un’asettica stanza di ospedale (tanto che ti viene a mente Yoko Ogawa). Oggi torna con un album: “Burst Apart”, e le cose che sono cambiate non sono poi molte, ma si sentono. 

Scordatevi le dinamiche capricciose di “Sylvia” o di “Kettering” (che poi erano i pezzi da novanta di “Hospice”), il nuovo Antlers abbandona ogni epicità a favore di ballad agrodolci e “synthetizzate”. Il capolavoro del disco è probabilmente “Parentheses”: seducente nel suo incedere e con una batteria il cui suono ha qualcosa a che fare con la perfezione. La stoffa è dei migliori Radiohead. “No Widows” potrebbe essere sua sorella gemella con ambizioni trip-hop, con tanto di beat lasciati a deflagrare e pieni di eco. ”Every Night My Teeth Are Falling Apart”, singolo estratto, riassume in sé lo spirito di tutto l’album: Peter Siberman col piglio del cantautore navigato (che navigato, per quanto in gamba, non è) e malinconico. Esercizio di stile à-la Jeff Buckley per “Corsicana” in cui, su un tappeto dream-pop neanche poco vagamente Cocteau Twins si mescola bene il falsetto di Pete. “Putting The Dog To Sleep” sembra una di quelle notti insonni passate sul bordo del marciapiede quando anche l’ultimo sorso dell’ultima Nastro Azzurro è andato. 

Noise-pop a sprazzi, soul, atmosfere dilatate, notturne, chitarre che non prendono mai la palla tra le mani e si camuffano intimidite, hammond. La “post-degenza” di Silberman si materializza in dieci tracce meno intime di quelle presenti sul precedente album. Dieci tracce inesplose. “Burst Apart” è un disco che conferma le doti della mente che lo ha partorito, ma che lascerà l’amaro in bocca a quelli che, come me, avevano creduto al salto di qualità. Al capolavoro precedentemente sfiorato. Un piccolo passo indietro, quindi, ma solo per quelli che hanno la voglia di accorgersene. 

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
Burst Apart
[ Frenchkiss – 2011 ]
Similar Artist: Cocteau Twins, Jeff Buckley
Rating:
1. I Don’t Want Love
2. French Exit
3. Parentheses
4. No Widows
5. Rolled Together
6. Every Night My Teeth Are Failing Out
7. Tiptoe
8. Hounds
9. Corsicana
10. Putting The Dog To Sleep

Ascolta “Parentheses”

Tracklist
 
 

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...

Mecna – Blue Karaoke

Un disco per domarli, un disco per trovarli, Un disco per ghermirli e nel Blue Karaoke incatenarli. La poesia dell’anello riadattata al ...

Dirty Projectors – Lamp Lit ...

Il 2017 è stato probabilmente l’anno più difficile della carriera dei Dirty Projectors. Reduci da due album (“Bitte Orca” e “Swing ...

Bulldada – What a Bunch of ...

Avete presente la parola “Capolavoro”? Ecco molto spesso la si usa in contesti assolutamente insensati (come ad esempio “Mhh Ah Ah ...

The Vines – In Miracle Land

Con l’avvento del nuovo secolo, decine e decine di band nascevano con l’ondata cd. “new rock revolution” ed andavano ...