banner

MOONDOGGIES
Tidelands

8 agosto 2011

TAGS:

Dal primo secondo possiamo riconoscere la materia prima delle chitarre, il barlume tipico dei Galaxie500, che si risolve in una cavalcata rock-folk che i Blitzen Trapper ci hanno abituato ad ascoltare. Il misto di chitarre pompate, tastiere e cori è gradevole se è giusto in equilibrio tra Manic Street Preachers e She&Him.
“Tidelands” è un’epopea vibrante come quelle dei dischi degli Shearwater, ma la voce del frontman ricorda quella di Chris Cornell, anche se la band in generale risente dell’atteggiamento di nuova generazione folk-elettrica americana, emulando però più i My Morning Jacket nelle evoluzioni che i Titus Andronicus o i Band Of Horses.

“What Took so Long” ricorda amabilmente invece “Ugly But Honest” dei Carissa’s Wierd (aka proto-Band of Horses), così svergognatamente abbioccata nel melenso e nell’appiccicosa atmosfera da jukebox di bar da camionisti.
Forse “Tidelands” è l’ennesima prova che il Southern Rock, che una volta aveva bisogno di una moltitudine di cantautori, adesso rivive attraverso una nuova fucina di pocopiùche20enni e qualche gallo impazzito come Ray LaMontagne.
Purtroppo il tallone d’Achille del disco è proprio la facoltà di non stupire, anche quando si prodiga in ballate stile Fleet Foxes.

Non è chiaro se la struttura cede per il confronto sullo stesso campo con dei giganti che fanno parte della loro stessa scena, o perché è la stessa impronta del disco che effettivamente potrebbe stancare gli ascoltatori. Fatto sta che il disco ha la fragilità di non aggiungere niente di bello alla pila di ottimi lavori di influenza folk degli ultimi anni, ma comunque resta suonato con intensità (che però non arriva ai livelli di “Butterfly House” dei The Coral), e arrangiato con maestria.

Tidelands
[ Hardly Art - 2010 ]
Similar Artist: Blitzen Trapper, Carissa’s Wierd
Rating:
1. It’s A Shame, It’s A Pity
2. Tidelands
3. What Took So Long
4. Uncertain
5. Empress Of The North
6. Lead Me On
7. Down The Well
8. Can’t Be In The Middle
9. We Can’t All Be Blessed
10. A Lot Of People On My Mind

Ascolta “What Took So Long”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…