CHAIN AND THE GANG
Music’s Not For Everyone

 
 
 

Mettere in discussione Ian Svenonius significherebbe non rendere giustizia ad una fetta importante di storia della musica bordeline di Washington Dc.
Non che si tratti di Lesa Maestà, più che altro è ricerca di una critica oggettiva serena e motivata.
Per chi non ha mai visto una sua trasmissione su Vice Tv, di per sé acuta ed ironica, o ascoltato dischi di Nation Of Ulysses e Make Up addentrandosi così nel suo sterminato background di ricercatore di buone vibrazioni, sarà difficile accostarsi all’inquieta poetica sonora del soggettone.

Fatta di irruenza spesso traslata in attitudini Lo-Fi ultra sgangherate, di oltranzismo Rock And Roll duro e puro, di roots impastate secondo la sua visione di artista cristallizzato nei mid sixties ed oltremodo illuminato.
“Music’s Not For Everyone”, va da sé, non è un disco per tutti se non se ne colgono l’ironia tagliente e la giocosità in primis, ed è un tirassegno formidabile dove scagliare ogni ragionevole dubbio sia sulla forma canzone sia sui contenuti delle medesime.
Semplicemente per il sottoscritto odora ancora di retaggi del progetto Make Up soprattutto, dove la bizzarria pseudo live dei suddetti muta, qua, in ritmiche indolenti ed articolate, nonostante le intenzioni bizzose ed in odore di rissa di Ian, svelate proprio nel brano che dà il nome all’album.

Non è un capolavoro davanti a cui prostrarsi e te lo dico subito: è buono per il completist, costoso per il novizio che vuole avvicinarsi a questo immaginario che guarda al passato con velleità di futuro prossimo.
Ma non ce n’è se ti ci accosti indifeso in una giornata di primavera.
Ed il suo Funk deviato, la sua Soulness, la sua Blackness riescono ad appiccicarsi ai vestiti leggeri tuffandosi nel primo velo di sudore.
Ci vorrebbe una Mustang Cabrio, forse, per comprendere le direttrici di 14 brani malati e vaticinanti, che da un lato ti indicano il Sole e dall’altro ti spingono nell’Exploitation metropolitana nuda e cruda. Fatta di locali puzzolenti, gente infoiata di droghe mescaline in saldo e owners che ti cacciano a fine set per cazzeggiare coi soldi che non vedrai mai.
E che altro potresti fare allora, memore di ‘sti scazzi, se non dar vita ad un progetto come Chain And The Gang, ossia volgere il nichilismo Punk verso i pozzi asciutti del Blues, meticciare il tutto con il Garage più minimale e sputarci dentro qualche zozzissima percussione cajun giusto per il Voodoo e qualche “non morto” che vaga qua e là ascoltando dischi della Motown?

“Livin’Rough” l’incubo da aperitivo perfetto, “Detroit” in doppia version, il pezzo manifesto omonimo con strascichi alla Velvet Underground, i Beatles in Lsd di “Can’t Get Away”, la perversione zozza e tastierata di “(I’ve Got) Privilege”, sono lì a certificare la rivoluzione minimalista in doppiopetto gessato.
E ci piace a prescindere.

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
Music’s Not For Everyone
[ K – 2011 ]
Similar Artist: Make Up, Billy Childish, Jon Spencer Blues Explosion
Rating:
1. Why Not?
2. Not Good Enough
3. For Practical Purposes (I Love You)
4. Livin’ Rough
5. It’s a Hard, Hard Job (Keeping Everybody High)
6. Detroit Music
7. Detroit Music Pt. II
8. Music’s Not For Everyone
9. Can’t Get Away
10. (I’ve Got) Privilege
11. Youth is Wasted on the Young
12. Not Good Enough (Dub)
13. Bill For the Use of a Body
14. Why Not? Pt. III

Ascolta “Detroit Music Prt II”

Tracklist
 
 

Jessie Ware – What’s ...

Jessie Ware è una cantautrice inglese che esordì nel 2012 con una piccola perla R&B infettata di sonorità anni ‘80, “Devotion”, ...

Future Islands – As Long As ...

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta ...

Born Ruffians – Squeeze

Sono passati solo sei mesi dal precedente “Juice”, eppure i canadesi Born Ruffians sono già pronti al ritorno in grande stile con un ...

The Struts – Strange Days

Mai come in questo particolarissimo periodo ho avuto modo di apprezzare album che trasmettessero buon umore e che, nella loro durata, mi ...

The Jaded Hearts Club – ...

C’era bisogno di mettere insieme tanti pezzi da novanta per un album di cover? A detta di tanti illustri colleghi recensori, ...