BEIRUT
The Rip Tide

 
Tags:
 
29 Agosto 2011
 

Parlare dei Beirut è sempre difficile: il progetto di Zachary Francis Condon è passato in pochi anni da grande sorpresa a vera icona dell’ambito indie internazionale (ed in questo senso si può vedere un deciso parallelo con gli Arcade Fire).

Ecco perché l’attesa per questo nuovo album “The Rip Tide” era decisamente alta. Per il loro quarto lavoro ufficiale c’era forte curiosità nel capire l’evoluzione di un suono che, come nessun altro, riesce a mischiare il folk balcanico tipico dell’Europa dell’Est con il pop più prettamente occidentale.

Ma questo “The Rip Tide” non è una vera e propria evoluzione, più che altro una ‘summa’ del suono Beirut, dove la contaminazione non è mai stata così piacevole e così perfetta, dove i Kings of Convenience incontrano i Gogol Bordello e sembra che suonino insieme da una vita, dove la voce da crooner di Zach sa emozionare anche solamente accompagnata da un piano(“Goshen”, “The Riptide”), dove l’esordio di un po’ di elettronica rende una melodia irresistibile (“Santa Fe”, omaggio alla città natia), dove i fiati dialogano con il pianoforte  regalando grandi suggestioni (“Vagabond”).

Un ispirato songwriting completa il nuovo lavoro della band statunitense…nove tracce scritte durante l’inverno scorso a New York, dei piccoli affreschi emozionali che difficilmente vi lasceranno indifferenti.
Se ancora non conoscete i Beirut “The Rip Tide” è senza dubbio l’album giusto per cominciare ad apprezzarli, se già li amate li gusterete ancora di più in questo lavoro che porta a compimento tutte le piacevoli intuizioni avute dal buon Zachary fin dall’esordio.
Un punto d’arrivo. Il futuro ora non interessa.

Cover Album

The Rip Tide
[ Pompeii – 2011 ]
Similar Artist: Gogol Bordello, Kings of Convenience, Arcade Fire
Rating:
1. A Candle’s Fire
2. Santa Fe
3. East Harlem
4. Goshen
5. Payne’s Bay
6. The Rip Tide
7. Vagabond
8. The Peacock
9. Port of Call

Ascolta “The Rip Tide”

Tracklist
 
 

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...

Nic Cester – Live Across ...

Nic Cester, australiano di nascita e milanese d’adozione, ama molto l’Italia. Un affetto sincero e non di circostanza che traspare ...

Westerman – Your Hero Is Not ...

A due anni di distanza dal suo “Ark ep” del 2018, Will Westerman confeziona dodici fluttuanti tracce dalle livree dense di ...

Kidbug – Kidbug

Una storia d’amore può anche essere l’occasione per formare una band. Marina Tadic la conosciamo per il suo lavoro negli Eerie ...

Zoon – Bleached Wavves

BOOM! Che disco signori e signore. Daniel Monkman è un talento che abbiamo imparato a conoscere nel corso di questi mesi, con le prime ...