banner

BEAT CONNECTION
Surf Noir [EP]

31 agosto 2011

TAGS:

Col rischio di sembrare retrograda, mi trovo a dover ribadire il fatto che è sempre più difficile impostare una recensione a causa della esorbitante quantità di nuovi generi/sottogeneri ed anti-generi che popolano il cyberspazio. Difatti, ascoltando i Beat Connection di Jordan Koplowitz e Reed Juenger mi sono nuovamente trovata a combattere con le centinaia di etichette che accompagnano loro ed i fratellini indie sparsi per bandcamp e Soundcloud.

“Surf Noir” è un EP che nasce da due ‘figli’ di Garageband, Koplowitz e Juenger, i quali incontrano Tom Eddy (voce), Mark Hunter (basso) e Jarred Katz (batteria), e formano i Beat Connection. Il quintetto di Seattle, che qualche mese a questa parte ha scalzato la band da matrimoni di Nortfolk dal primo posto dei risultati di Google, ha rilasciato dapprima Surf Noir su bandcamp verso la fine del 2010, per poi diventare prodotto dell’etichetta Moshi Moshi.

Più che le parole, sono i 32 minuti di musica che ci forniscono la prova della loro ecletticità. I Beat Connection azzardano l’incontro tra il surf pop, basi elettroniche, dream pop e richiami tribali. L’EP si apre dalla più malinconica “Sunburn”, per poi proseguire con il synth pop di “In the Water”, le atmosfere dreamy della ballabile “Theme from Yours Truly” e il singolo “Silver Screen”, a cui si alternano brevi pezzi strumentali (“Wildheart”, “Motorway”). Quello stile giocato su suoni ambient e synth si può facilmente ricondurre a pezzi come “Fresch Touch” e la brevissima “Motorway”, probabilmente i pezzi meno riusciti dell’EP. Chiusura in bellezza con la epica “Same Damn Time”, un brano minimalista ma carismatico.

“Surf Noir” rappresenta in pieno quello stile tornato alla ribalta dopo l’uscita degli ultimi Cut Copy in grado di mescolare dance anni ’80, battiti di mani, echi (maschili e femminili) atmosfere ambient (con un pizzico di Brian Wilson) e una buona dose di percussioni tribali. Il tutto in un eterno indugiare che ci dimostra che i ragazzi hanno la stoffa per farsi un nome in un genere che, per comodità, chiamerò semplicemente synth pop.

Surf Noir (EP)
[ Moshi Moshi - 2011 ]
Similar Artist: Cut/Copy, Active Child, The Naked And Famous
Rating:
1. Sunburn
2. In The Water
3. Wildheart
4. Theme From Yours Truly
5. Fresh Touch
6. Silver Screen
7. Motorway
8. Same Damn Time

Ascolta “Silver Screen”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…