STEPHEN MALKMUS & THE JICKS
Mirror Traffic

[ Domino - 2011 ]
7.5
 
Genere: alternative rock, pop-rock
 
31 Agosto 2011
 

Se è vero che i Pavement non hanno mai scritto una canzone brutta, lo stesso non si può dire del Malkmus solista. La sua carriera in solitaria, accompagnata dai Jicks, non ha mai dato i risultati sperati. Chi aveva pensato al naturale proseguimento delle gesta di una delle band più importanti degli anni Novanta (e non solo), si è trovato di fronte a dischi perlopiù fuori fuoco, contenenti alcuni guizzi propri di un autore straordinario, ma nel complesso privi di quella grandezza compositiva che ci si aspetterebbe da uno come lui. Ma ora, al quinto album, qualcosa è senz’altro cambiato: questo ragazzone di quarantacinque anni ha finalmente ritrovato la sua strada.

“Mirror Traffic” ha infatti già vinto la sua facile partita: rappresenta la miglior prova del Malkmus solista, senza dubbio quella più ispirata, compatta, convincente. Già la frizzante “Tigers” posta in apertura, brano che non sfigurerebbe all’interno di “Brighten The Corners”, ci dà un’idea di come sarà l’andazzo generale. Tra passaggi à la Pixies, brillanti colori elettroacustici, echi folk – country uniti ad una vena dannatamente lo – fi, vera costante nell’opera del Nostro. Il tutto, condito da una spiccata forza Pop con la P maiuscola; nella più nobile accezione del termine.

Grandi sferzate elettriche e morbide pennate acustiche: parti chitarristiche quindi più concrete, efficaci e meno onaniste rispetto ai precedenti episodi. Melodie sghembe, testi che alle volte sfiorano l’assurdo; ballate agrodolci che intervallano momenti di ben più alta abrasività; il tutto, sempre da applicare ad una filosofia e a un approccio pavementiani.

Dentro questo album pare esserci tutto l’universo Malkmusiano, scandagliato e rivisitato in ogni suo anfratto. Con estrema semplicità e voglia di divertirsi (e far divertire), Stephen ci regala un disco inaspettato. Forse non perfetto, ma comunque qualcosa di cui godere, e che fa sperare in un roseo futuro. Bentornato tra noi, ‘sta volta per davvero.

Tracklist
1. Tigers
2. No One (Is As I Are Be)
3. Senator
4. Brain Gallop
5. Jumblegloss
6. Asking Price
7. Stick Figures In Love
8. Spazz
9. Long Hard Book
10. Share The Red
11. Tune Grief
12. Forever 28
13. All Over Gently
14. Fall Away
15. Gorgeous George
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...