FIONN REGAN
100 Acres Of Sycamore

 
Tags: ,
 
2 settembre 2011
 

Fionn Regan è uno di quei tanti, o pochi, fate voi, artisti rimasti, che sono stati messi su questa terra con il compito di regalare emozioni attraverso la loro arte e non è un caso che, fin dai ‘primi passi’, gli siano stati accostati nomi, anzi gli siano stati caricati sulle spalle nomi e quindi responsabilità con il quale un giovane artista alle prime armi difficilmente riuscirebbe a fare i conti. Eppure l’irlandese pare, anzi è riuscito ad uscire (pardon il gioco di parole) vincitore dalla scazzottata con le ombre di mr. Bob Dylan, mr. Nick Drake e mr. Donovan e mr. Morrison (Van).

Veniamo a noi. Se si dovesse prendere una tavolozza di colori e cominciare a dipingere il terzo disco di Regan verrebbe subito da scartare colori accesi e gioiosi come il giallo, il verde, il rosso. La scelta cadrebbe di sicuro su colori scuri, tetri, come il nero o il grigio. Ecco,“100 Acres of Sycamore” è un disco cupo, lento, creato per regalare emozioni e fatto per ascoltatori di molta pazienza…arrivare alla fine dei 47 minuti non è facile per nessuno, mancano le sferzate elettriche di “The Shadow of Empire” e il piglio da bulletto è sostituito da uno più lugubre e introverso, un ritorno allo stile di “The End of History” (i fingerpickings di “Sow mare bitch vixen” e di “For a Nightingale” ne sono la prova) album di debutto del ‘menestrello’ irlandese.

Brani e arrangiamenti più corposi, testi molto più introversi sono le novità, una maturazione insomma, in tutto e per tutto che trova conferma in brani come “100 acres of sycamore” che dà il là alle danze, “The horse are sleep” e “The lake district” in cui si sente l’influenza dei Fleet Foxes di Robin Pecknold e in “Vodka sorrow” ballata al pianoforte in stile Neil Young (tanto per continuare a scomadare i Grandi). Immagini inquietanti, parole che pesano come macigni contornate da violini e pianoforte che scandiscono la malinconia sono le fondamenta dell’album di ritorno dell’irlandese che alla fine può anche lasciare un alone di malinconia, ma Regan è qui, come detto in precedenza, per regalare emozioni, belle o brutte, cupe o gioiose, buie o lucenti. Fionn Regan è questo, prendere o lasciare, ma di questi tempi seguite un consiglio, meglio non lasciarselo scappare!

100 Acres of Sycamore
[ Heavenly Recordings – 2011 ]
Similar Artist: Dylan, Nick Drake, Robin Pecknold, Laura Marling
Rating:

1. 100 Acres Of Sycamore
2. Sow Mare Bitch Vixen
3. The Horses Are Asleep
4. The Lake District
5. Dogwood Blossom
6. For A Nightingale
7. List Of Distractions
8. 1st Day Of May
9. North Star Lover
10. Woodberry Cemetery
11. Vodka Sorrow
12. Golden Light

Ascolta “100 Acres Of Sycamore”

Tracklist
 
 

Toro Y Moi – What For?

Dalla paradisiaca chill-wave Toro Y Moi è riuscito a tirar fuori un’anima indie-rock, rivisitando un…

Leftfield – Alternative Light ...

A vent’anni esatti dell’esordio “Leftism” ritornano i Leftfield, dopo un lunghissimo silenzio (il successivo e…

Thee Oh Sees – Mutilator ...

Tra le poche certezze della vita ci sono, nell’ordine: la nascita, la morte, un album…

FFS – FFS

FFS ovvero Franz Ferdinand + Sparks (Russel Mael che canta e Ron Mael che compone).…

Desaparecidos – Payola

I Desaparecidos per Conor Obrest sono un amore di vecchia data. Non un semplice side…