banner

THE DRUMS
Portamento

12 settembre 2011

TAGS: ,

Tutti gli artisti devono superare la famigerata ricezione del secondo disco. Il terrore di ogni musicista in grado di produrre un buon hype con la sua prima uscita, è come la critica accoglierà il suo successore. Se riprende le fila del debutto è scontato e prevedibile, mentre se sperimenta nuove sonorità si tradisce quella che è l’essenza della propria musica. In poche parole, in entrambi i casi non c’è scampo. Eppure i Drums decidono di cambiare le carte in tavola e mantenere la propria impronta surf pop, attuando però ad un decisivo cambio di rotta, dato anche dai numerosi cambiamenti avvenuti in questo ultimo anno.

L’abbandono del chitarrista Adam Kessler, la sua sostituzione da parte del batterista Connor Hanwick (con conseguente drum machine al posto della batteria) e il passaggio di Graham ai synth hanno sicuramente portato ad un notevole cambio di sonorità, le quali acquisiscono un tocco elettronico e dai risvolti più dark. I Drums, si sa, non sono mai brillati per allegria, nonostante la loro musica potesse a prima vista suggerire il contrario. I testi hanno sempre avuto un retrogusto cupo, ‘curtisiano’, nettamente in contrasto con la parte strumentale (“Me and the Moon” e “Forever And Ever Amen” dal debutto S/T). Jonathan Pierce non si smentisce neppure in “Portamento”, dove è possibile riconoscere testi malinconici, agrodolci: And I believe, that when we die, we die / so let me love you tonight / let me love you tonight. La novità sta nel fatto che le musiche rimarcano maggiormente questa malinconia, avvicinandosi ad atmosfere più alla Morrissey e compagni (“Days”, “I Don’t Know How to Love”, “If He Likes it, Let Him Do It”). Sono presenti brani dalla freschezza delle origini (“How it Ended”, “Book of Revelation”), atmosfere più nevrotiche come in “What You Were” e un pizzico di elettronica (“Hard to Love”). Non mancano i passi falsi, come l’indugiare elettronico di “Searching for Heaven”, che si disperde risultando parecchio insipida. Alla fine dei conti però, è doveroso riconoscere che i the Drums si sono dimostrati in grado di maturare, superando degnamente il grande ostacolo del sophomore album. Ebbravi.

Portamento
[ Moshi Moshi - 2011 ]
Similar Artist: The Smiths, The Legends, Surfer Blood
Rating:
1. Book Of Revelation
2. Days
3. What You Were
4. Money
5. Hard To Love
6. I Don’t Know How To Love
7. Searching For Heaven
8. Please Don’t Leave
9. If He Likes It Let Him Do It
10. I Need A Doctor
11. In The Cold
12. How It Ended

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…