banner

THE DRUMS
Portamento

12 settembre 2011

TAGS: ,

Tutti gli artisti devono superare la famigerata ricezione del secondo disco. Il terrore di ogni musicista in grado di produrre un buon hype con la sua prima uscita, è come la critica accoglierà il suo successore. Se riprende le fila del debutto è scontato e prevedibile, mentre se sperimenta nuove sonorità si tradisce quella che è l’essenza della propria musica. In poche parole, in entrambi i casi non c’è scampo. Eppure i Drums decidono di cambiare le carte in tavola e mantenere la propria impronta surf pop, attuando però ad un decisivo cambio di rotta, dato anche dai numerosi cambiamenti avvenuti in questo ultimo anno.

L’abbandono del chitarrista Adam Kessler, la sua sostituzione da parte del batterista Connor Hanwick (con conseguente drum machine al posto della batteria) e il passaggio di Graham ai synth hanno sicuramente portato ad un notevole cambio di sonorità, le quali acquisiscono un tocco elettronico e dai risvolti più dark. I Drums, si sa, non sono mai brillati per allegria, nonostante la loro musica potesse a prima vista suggerire il contrario. I testi hanno sempre avuto un retrogusto cupo, ‘curtisiano’, nettamente in contrasto con la parte strumentale (“Me and the Moon” e “Forever And Ever Amen” dal debutto S/T). Jonathan Pierce non si smentisce neppure in “Portamento”, dove è possibile riconoscere testi malinconici, agrodolci: And I believe, that when we die, we die / so let me love you tonight / let me love you tonight. La novità sta nel fatto che le musiche rimarcano maggiormente questa malinconia, avvicinandosi ad atmosfere più alla Morrissey e compagni (“Days”, “I Don’t Know How to Love”, “If He Likes it, Let Him Do It”). Sono presenti brani dalla freschezza delle origini (“How it Ended”, “Book of Revelation”), atmosfere più nevrotiche come in “What You Were” e un pizzico di elettronica (“Hard to Love”). Non mancano i passi falsi, come l’indugiare elettronico di “Searching for Heaven”, che si disperde risultando parecchio insipida. Alla fine dei conti però, è doveroso riconoscere che i the Drums si sono dimostrati in grado di maturare, superando degnamente il grande ostacolo del sophomore album. Ebbravi.

Portamento
[ Moshi Moshi - 2011 ]
Similar Artist: The Smiths, The Legends, Surfer Blood
Rating:
1. Book Of Revelation
2. Days
3. What You Were
4. Money
5. Hard To Love
6. I Don’t Know How To Love
7. Searching For Heaven
8. Please Don’t Leave
9. If He Likes It Let Him Do It
10. I Need A Doctor
11. In The Cold
12. How It Ended

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…