LIBRI: RETROMANIA
di Simon Reynolds

 
17 Settembre 2011
 

Chi fermerà la musica? Lo cantavano i Pooh e me lo chiedo da troppo tempo anch’io. E che ne sarà della musica? Dico, continueremo ad andare avanti così (ovvero ascoltando cose che sostanzialmente sono la riproposizione di qualcosa già fatto in passato, magari fatto bene ma pur sempre riproposizione – se non spudorato remake) oppure arriverà qualcosa/qualcuno in grado di sparigliare le carte provocando uno shock tale da far rinascere la voglia di innovare?

Ad occhio e croce bisognerebbe interpellare John Titor per sapere la risposta esatta a questi annosi quesiti, ma temo non sia possibile perché John Titor è tornato a casa e non può risponderci. Ed allora accontentiamoci di Simon Reynolds, che non è poco.

La sua ultima fatica “Retromania” ha il pregio di farti venire un sacco di dubbi. Mi spiego meglio: contiene teorizzazioni che tutti noi appassionati di musica abbiamo fatto almeno una volta nella vita, solo che le abbiamo fatte in parte e non siamo mai arrivati al dunque, alla chiusura del ragionamento, alla quadratura del cerchio. Reynolds riesce a trovare l’anello mancante ma nello stesso tempo fa crollare certe granitiche certezze che ti avevano fin lì accompagnato e ti incasina parecchio l’esistenza. Tanto per dire: gli mp3 e tutte le tecnologie ad essi legate? Figata, però non mi ero mai reso conto che sono stati l’unica, vera innovazione musicale degli Anni Zero e che in fondo è anche a causa loro se ascoltiamo roba che guarda al passato. Tipico della natura umana essere fissati con le cose retrò, ma non così sfacciatamente, non così facilmente vista la mole di materiale da cui puoi attingere/copiare in tempo reale. E finisci sempre a chiederti se vale ancora la pena di ascoltare musica nuova, ti rispondi di sì ma col beneficio del dubbio – com’è giusto che sia.

Retromania
Voto: 7,5

Autore: Simon Reynolds
Traduzione: Michele Piumini
Editore: ISBN Edizioni, 2011
Pagine: 480

 

Diamo un’occhiata alla ristampa ...

L’archivio di Paul McCartney non è vasto e profondo come quello di Neil Young ma si difende piuttosto bene, regalando ogni tanto ...

Oggi “It’s Great When ...

Ci sono dei dischi che hanno già vinto solo con il titolo. Questo esordio dei Black Grape è uno di questi. Una band capitanata da Shaun ...

The Other Side: Fontaines D.C. – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Suburbs” ...

Il terzo disco è spesso quello che indirizza il giudizio retrospettivo su tutte quelle band che hanno disgraziatamente avuto la sventura di ...