INTERVISTA CON EVA & MANU

 
Tags:
di Alessio "Axelmoloko" Pomponi
23 settembre 2011
 

Mercoledi’ 28 settembre seconda ‘puntata’ di UNPLUGGED IN MONTI rassegna di private-show acustici organizzati e presentata da IndieForBunnies.

Dopo il sold-out della prima uscita (magica esibizione di Woodpigeon e Foon Yap) e’ ora il turno di Eva & Manu, giovane duo folk-pop franco-finlandese alla prima esibizione nel nostro paese.

  • IndieForBunnies presenta UNPLUGGED IN MONTI: EVA & MANU – mercoledi’ 28 settembre
  • A noi e’ bastato un solo EP (“Still Travelling”) per innamoraci delle loro trame melodiche intrise di folk e soprattutto della voce cristallina di Eva.
    Gli amanti di Mumford & Sons e del recente revival folk-pop britannico troveranno in questo duo ballate per le loro orecchie, provare per credere la loro “Feet In The Water” (il video su youtube).

    Ciao ragazzi, dove siete in questo momento e cosa state facendo?
    Siamo a Parigi, siamo stati ospiti di un programma televisivo francese, Tarata’. Abbiamo diviso il palco con Red Hot Chili Peppers, James Morrison, Ed Sheeran….

    Presentateci Eva & Manu.
    Caratterialmente abbiamo molte differenze, ma in musica siamo una persona sola. Abbiamo entrambi il ‘fuoco’, Manu è il perfezionista, Eva più premurosa. Siamo dei “social food fanatics”.

    Come vi siete conosciuti e quando avete deciso di collaborare?
    Andavamo insieme a scuola, al Berklee College Of Music. Respiravamo musica ogni giorno, tutto il tempo, è stato naturale iniziare a scrivere canzoni insieme.

    Avete mai pensato ad un’esperienza musicale solista ‘lontana’ dal duo Eva & Manu?
    In realtà abbiamo altri progetti, ma Eva & Manu rimane la nostra priorità.

    In cosa consiste il progetto “Travel In Music”?
    Quando ci siamo trasferiti a Londra per suonare abbiamo avuto diversi problemi di ambientamento. Per qualche motivo non la sentivamo la nostra città. Il padre di Manu, che vive nel Sud della Francia, ci ha allora consigliato di viaggiare e noi ci siamo accorti questo era quello che veramente volevamo fare. Vivere le nostre vite, correre il rischio, incontrare le persone e lasciarci ispirare dalle loro storie. Abbiamo trovato un vecchio camper Skipper e il mese successivo eravamo in ‘on the road’.
    Vivendo comunque in un’era moderna e altamente tecnologica abbiamo voluto legare i nostri viaggi ad internet. Così abbiamo creato un blog “Travel In Music” dove ogni settimana carichiamo il video di una nuova canzone. I video sono girati sempre in posti diversi. E’ il nostro diario e una perfetta ‘deadline’ da rispettare per scrivere nuove cose. Abbiamo centinaia di follower in giro per il mondo, incredibile !!!

    Quali sono le vostre maggiori influenze musicali e cosa ascoltate durante i vostri lunghi viaggi in camper?
    Sebbene scriviamo musica insieme abbiamo gusti musicali molto diversi. Manu ascolta rock, Eva è cresciuta con jazz, classica, folk. La sua artista preferita è Norah Jones, è grazie a lei che Eva ha intrapreso questo percorso. Gabriel Yacoub, che ha suonato spesso nel nostro camper, è un’altra grande influenza per Manu. Ascoltiamo Fleet Foxes, Regina Spektor, Caprcaillie, James Taylor, AC/DC

    Avete idea di quando uscirà il vostro primo album? Sarà autoprodotto?
    Il nostro primo album uscirà a Gennaio/Febbraio 2012. Stiamo trattando con un paio di etichette per la pubblicazione.

    Al momento avete registrato un solo EP, “Still Travelling”. Qual è la storia dietro queste canzoni?
    Abbiamo scritto “Feet in the water” alla fine di un viaggio ma in realtà parla del momento prima di una partenza. Eva dice sempre che questa canzone racconta essenzialmente di come dovremo essere sempre in movimento senza preoccuparci troppo dei rischi…

    “In Montreal” e’ ispirata ad un vecchio amico di Manu che molto giovane si trasferi’ a Montreal. Voleva qualcosa di diverso, esplorare il mondo da solo.

    “If Only” e’ la prima canzone scritta insieme. E’ facile da interpretare, racconta come non sia facile vivere una relazione. Discussioni e incomprensioni sono parte di noi stessi.

    Lungo il vostro viaggio quale posto vi ha piu’ colpito?
    Puo’ sembrare scontato ma la Francia e’ il nostro paese preferito. E’ incredibilmente vasta e varia, puoi guidare solo per 50km e lo scenario cambia radicalmente. Il cibo e’ sempre ottimo, le persone ospitali, ci siamo innamorati di piccoli e antichi villaggi dove la storia e’ ancora viva.

    Il 28 settembre sarete in Italia per il vostro primo concerto nel nostro paese.
    Come puoi immaginare siamo entusiasti alla sola idea. Abbiamo viaggiato in Italia e la gente e’ sembrata apprezzare la nostra musica… non vediamo l’ora di assaggiare il vostro incredibile caffe’.

    I prossimi obiettivi di Eva & Manu?
    Suonare il piu’ possible, importantissimo per artisti emergenti come noi. La gente vuole vederti dal vivo, vedere come suoni, come ti muovi sul palco. Abbiamo intenzione di fare concerti, scrivere il disco, girare video con altri artisti.

    UNPLUGGED IN MONTI è romanticamente ispirato alle puntate cult di MTV-UNPLUGGED. Guardavi questo show all’inizio degli anni ’90?
    Guardavamo poco MTV. Troppa pubblicita’.

    Lanciate un invito per il vostro primo show italiano.
    Venite a passare un’ottima serata in nostra compagnia, adoriamo incontrare persone nuove

    Link:

     

    Intervista con DUM DUM GIRLS

    In occasione dell’imminente tour italiano delle Dum Dum Girls (3 date, Segrate, Roma, Carpi)…

    Intervista con CLEVER SQUARE

    I Clever Square vengono da Ravenna, ma hanno nel cuore l’America. L’avevano già dimostrato…

    Intervista con DIECIUNITàSONANTI

    Sono passati cinque mesi dall’uscita di “Dove”, secondo disco dei DieciUnitàSonanti, un lavoro che…

    Intervista con FRIGHTENED RABBIT

    A quasi dieci anni dalla prima comparsa come “solo project” dei Frightened Rabbit, dopo…

    Intervista con JOSEPH ARTHUR

    Dopo tanto tempo Joseph Arthur torna in Italia per quattro date, a partire dal…