LANTERNS ON THE LAKE
Gracious Tide, Take Me Home

[ Bella Union - 2011 ]
 
Genere: folk, songwriting
 
23 Settembre 2011
 

I mesi estivi regalano notti insonni per buoni o pessimi motivi. Sono lo spartiacque tra la prima parte dell’anno e la seconda e sono spesso segnati dai primi bilanci e dai nuovi propositi; puoi passarli dietro una scrivania ad ambire il mare o una casetta di legno sperduta, puoi tornare a casa dai tuoi se il resto dell’anno lo trascorri lontano per lavoro o per scelta, regalarti il viaggio da sempre sognato, puoi star fermo e accompagnare il tempo con un nuovo disco.
Ed in questo contesto, in una di quelle notte insonni, mi sono ritrovata ad ascoltare “Gracious Tide, Take Me Home” dei Lanterns On The Lake e a non riuscire a superare un brano, “You’re Almost Here”: ammaliante e sospeso con la sua andatura dettata dal piano e dai battiti ovattati delle percussioni… non mancano le carezze degli archi.

Un profondo respiro per un risveglio avvolto da un percettibile suono di archi in “Lungs Quicken”, un timido cantato maschile che acquista coraggio e forza solo con l’incontro femminile in “If I’ve Been Unkind” (pecca del “già sentito”), da “Ships In The Rain”, litania sommessa invocando chi si è perso ad “I love You, Sleepyhead”… serico, intenso ed emotivo in cui si rivive, ma pacatamente, il crescendo speranzoso del post-rock.
Lanterns On The Lake, un sestetto proveniente da Newcastle, che ha alle spalle un cammino lungo un paio di anni tra alcuni EP: “The Starlight Ep” (2008), “Misfortunes And Minor Victories” (2009) e “Lungs Quicken” (2010).

“Gracious Tide, Take Me Home”, che raccoglie vecchi brani e alcuni inediti, è un album sfuggente ad un approccio definitorio: sembrerebbero non mancano fascinazioni per atmosfere folk, ritmiche vagamente riecheggiamenti sonorità shoegaze e post-rock… dietro l’angolo Low e Sigur Ros.
Bella Union, l’etichetta discografica londinese di Simon Raymond dei Cocteau Twins, con la pubblicazione di questo debut album (previsto per il 19 settembre), ha scelto di puntare su questo gruppo di talento e a parere di chi scrive, non ha sbagliato.
Forse non sarà un “sorprendente album d’esordio” (e in questi termini oserei dire: per fortuna) o una folgorante novità musicale, ma è sicuramente un buon album, se si ha voglia di perdersi un po’.

Tracklist
1. Lungs Quicken
2. If I've Been Unkind
3. Keep On Trying
4. Ships In The Rain
5. A Kingdom
6. The Places We Call Home
7. Blankets Of Leaves
8. Tricks
9. You're Almost There
10. I Love You, Sleepyhead
11. Not Going Back To The Harbour
 
 

June Of 44 – Revisionist: ...

Qualcosa si muove nel variopinto mondo dei June Of 44 che mancavano, discograficamente parlando, da ventuno anni. “Revisionist” ...

Giacomo De Rosa – Segnali di ...

Giacomo De Rosa è il leader di tutti i Peter Pan, il capopopolo dei sognatori (quelli narcolettici, che non svegli nemmeno a colpi di ...

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...