FEIST
Metals

 
 
3 Ottobre 2011
 

La bellezza richiede tempo, soprattutto se ha l’intenzione di essere disarmante.
Feist ci ha messo quattro anni, per tornare, e nel frattempo ha disimparato le canzoni di The Reminder e ha sviluppato una singolare estraneità nei confronti della chitarra. In una recente intervista rilasciata a Pitchfork, la cantante ha confessato che fissando lo strumento era convinta che “la sensazione” si fosse persa, e che non sarebbe stata riconquistata. E invece.

Allo stato dei fatti, Feist è forse l’artista più brava in circolazione a trovare uno spazio imprevisto tra la colonna sonora di un film con Drew Barrymore e una malinconia decisamente più privata, che non può essere condivisa; una donna che ha un talento tutto suo per il languore intrapsichico e le guerre a palpebre abbassate.

Se si esclude “The Circle Married The Line”- un verso che sottolinei a prescindere dalla convinzione, perché sai bene che a rileggerlo lo troverai banale ma non puoi vincere la sensazione che sul momento ti stia dicendo qualcosa- non ci sono molti agganci rassicuranti in “Metals”.
Tutto il disco ha il tono di un’insinuazione. E un’insinuazione assestata bene fa molti più danni di qualsiasi dichiarazione di guerra: “Metals” non fa che rimetterti al tuo posto- “Comfort me”, per esempio- e ti spoglia prima ancora che tu faccia in tempo ad accorgertene.

Oltre all’apertura devastante- “The Bad In Each Other”- una versione meno vittimista di “Good Woman” di Cat Power dove Joni Mitchell diventa un fantasma anche se non è mai morta- c’è un singolo- “How Come You Never Go There”- che farà trascorrere notti insonni a James Blake già pronto a metterci le mani sopra se solo duplicarsi in questo senso non fosse un miserabile passo falso.

Voleva fare un disco difficile, Feist, qualcosa di non immediato ascolto: quando hai oltrepassato le soglie del gusto comune l’unica cosa che può salvarti è sfondare le porte della critica del rancore, ostile a prescindere. E’ una trappola in cui cascano artisti più navigati di lei, ed è anche un’aspirazione legittima. Questo tentativo si intuisce in diversi passaggi del disco e per stessa ammissione della cantante, che ha chiesto ai compagni di squadra Gonzales e Mocky di stemperare qualsiasi ritornello che accennava a farsi troppo ammiccante.
Ma la cantante non ci è riuscita, a fare un disco di quel genere, e lo sa bene. Considerato il risultato, dev’essere solo grata al suo talento per averne scavalcato le intenzioni: come sempre, un verso è più intelligente del suo autore e la bellezza richiede tempo, ma pretende anche comprensione.

Cover Album

Metals
[ Cherrytree/Interscope – 2011 ]
Similar Artist: Cat Woman, Joni Mitchell
Rating:
1. The Bad In Each Other
2. Graveyard
3. Caught A Long Wind
4. How Come You Never Go There
5. A Commotion
6. Bittersweet Melodies
7. Anti Pioneer
8. Undiscovered First
9. Cicadas And Gulls
10. Woe Be
11. Comfort Me
12. Get It Wrong, Get It Right

Ascolta “How Come You Never Go There”

Tracklist
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...