DEATH IN VEGAS
Trans-Love Energies

 
 
28 Ottobre 2011
 

In musica tra le cose più tristi al mondo ci sono di certo quelle band che dopo un debutto sconvolgente si assestano su uno status quo di mediocrità altrettanto sorprendente. Certo c’è anche da dire che dei Death In Vegas si erano persino perse le tracce per un periodo.

I primi due dischi del duo inglese (composto da Richard Fearless e Tim Holmes) sono rimasti impressi nell’immaginario collettivo come un buon esempio di mix tra strumentazione live ed elettronica pura.
“Dead Elvis” e, soprattutto, “The Contino Sessions” ottennero un buon successo di pubblico e critica. Il secondo in particolare grazie alla partecipazione di guests come Jim Reid, Iggy Pop e Bobby Gillespie (e con “Dirge” che finì diretta in una pubblicità della Levi’s) è la prima cosa che viene in mente quando si pensa ai Death In Vegas. E non è, di certo, una brutta cosa per i due.

Però poi la qualità venne a mancare, sin dal successivo “Scorpio Rising” e con “Satan’s Circus” del 2004. Dopo il quale sembrò che i Death In Vegas fossero al capolinea. Richard Fearless sembrava sul punto di continuare la sua storia artistica a New York sotto il nuovo moniker Black Acid. Invece nel 2008 in un’intervista Fearless confermò che un nuovo disco dei Death In Vegas era pronto ed aveva solo bisogno di essere mixato.

Ed eccoci quindi a “Trans-Love Energies”. Il risultato non è affatto sorprendente: ci si muove tra atmosfere reminiscenti dei Primal Scream di “XTRMNTR” (ma con molto meno piglio), rimandi a sonorità house di altri tempi (“Your Loft My Acid” o “Witch Dance”), cascate di chitarre alla Ride o My Bloody Valentine che invero hanno un grandissimo impatto. Il finale è invece eccellente, tra il drone di (nomen omen) “Drone Reich”, il dub contorto di “Lighting Bolt” o la rarefatta “Savage Love”.

L’album raggiunge la sufficienza, si fa ascoltare, ma probabilmente finirà nel dimenticatoio presto. Attenzione però: come spesso è in questi casi potrebbe essere la scusa per un tour per una realtà che in passato dal vivo ha regalato scintille.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Trans-Love Energies
[ Portobello – 2011 ]
Similar Artist: Primal Scream, Kraftwerk, Suicide
Rating:
1. Silver Time Machine
2. Black Hole
3. Your Loft My Acid
4. Medication
5. Coum
6. Witch Dance
7. Scissors
8. Drone Reich
9. Lightning Bolt
10. Savage Love

Ascolta “Trans-Love Energies” preview

Tracklist
 
 

Jesse The Faccio – Verde

di Beatrice Bianchi “Conoscere il presente e mai sperare”, il nuovo album di Jesse The Faccio si apre all’insegna di una sconcertante ...

Pearl Jam – Gigaton

Sono abbastanza stufo di sentire da più parti certi commenti riguardo a band che farebbero meglio a ritirarsi in quanto non hanno più ...

Four Tet – Sixteen Oceans

Viaggi mentali – parte prima. Visti i tempi di semi – clausura forzata non resta che viaggiare col cervello. Il nuovo disco di Kieran ...

Roger Eno and Brian Eno – ...

di Luca Rigato Credo che i due fratelli Eno non abbiano bisogno di molte presentazioni. Non è neanche la prima volta che collaborano ...

Moaning – Uneasy Laughter

I Moaning, dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito proprio due anni fa, ritornano questo ...