banner

CASA DEL MIRTO
The Nature

31 ottobre 2011

TAGS:

Sei nella tua camera, davanti al pc, e appena parte “The Nature” giri per casa alla ricerca di una festa. Immagini di entrare nel salone e di trovare poche luci colorate che si appiccicano alle pareti. Immagini una masnada di braccia dinoccolate fluttuare per aria, corpi che si muovono appena sovraccaricati dall’alcool di quei cocktail estivi. Non ti rimane altro da fare che inserirti tra la gente, divincolarti tra di loro e trovare la giusta posa. E allora inizi a ballare. Oppure puoi mettere pausa e ritrovarti di nuovo davanti al monitor conscio di dover buttare giù quattro righe sui Casa del Mirto.

Probabilmente è lo scopo della chillwave: portarti indietro con gli anni, farti ballare, farti pensare che lo puoi fare per sempre. Italiani, di Trento, i Casa del Mirto ci avevano già fatto capire quali erano le coordinate con il precedente album. Uscito solo pochi mesi fa, “1979” conteneva un pezzo magnifico: “The Haste”, che è glo-fi di origine controllata con tanto di beat rallentati e synth da estate-alle-porte. “The Nature”, allora, parte proprio da lì, ma con l’ambizione di poter arrivare più in alto. L’album, contenente 17 pezzi e presentato come un concept, è diviso in due atti. Il primo scorre come da aspettative ed è retto da pezzi come “Fake”, “Human Feelings” e “Ultimatum”. Ballabili e sonnolenti, con quella disinvoltura che non ne fa paradosso. In bilico tra Toro Y Moi e Washed Out, attingendo al repertorio anni 80, pur con la stessa spigliatezza dei cugini d’oltre oceano, ma senza la consapevolezza che quei trent’anni che da lì ci separano sono passati. Ciò che ne risente è allora il sound: troppo attaccato a coordinate fuori tempo. Ma davanti a “Good Boy”, solo per fare un esempio, ti accorgi che tutto questo non ha molta importanza. Che la bellezza vince sul tempo, alla fine dei conti.

Il secondo atto cerca di divagare: “Spaceman” e “Shout Into the Night” hanno una forte impronta Air, “Bulls” è un pessimo tentativo di apertura al rap/funk,  “Snap Yr Cookies” è un downtempo in vena U.N.K.L.E. impreziosito dalla partecipazione dei Cornershop.  A fare un passo indietro ci pensa “Just Promise”, che è una scorciatoia per una febbre-del-sabato-sera tutta particolare, in stile Cut Copy. “The Nature”, in conclusione, è un album ben fatto. Personale e ricco di spunti interessanti. Certo, non è il botto, ma manco ci va così lontano.

Cover Album

It’s All True
[ Mashhh! - 2011 ]
Similar Artist: Memory Tapes, Washed Out, Air
Rating:
1. Act I
2. Fake
3. Human Feelings
4. Child feat. Holidays
5. Expose Yourself
6. Ultimatum
7. Good Boy
8. Don’t Let Me Down
9. ACT II Behind the Nature
10. The Nature
11. Just Promise
12. Sorry
13. Bulls
14. Spaceman
15. Shout Into The Night
16. Snap Yr Cookies
17. The End

Ascolta “Ultimatum”

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…