banner

MODESELEKTOR
Monkeytown

4 novembre 2011

TAGS:

“Monkeytown” è poco Modeselektor. “Monkeytown” è poco tedesco. Tanto per cominciare. Tornati dopo l’esperienza (riuscita) dei Moderat, che vedeva i due berlinesi collaborare con Apparat, i Modeselektor sfornano un disco che ha ben poco a che fare con un “Happy Birthday” (2007) a caso. Vuoi per le fascinazioni Burial di “German Clap”, o per l’iniziale “Blue Clouds” che sembra tanto un parto Hyperdub, vuoi per il contributo del fan d’eccezione: Thom Yorke, che dona molto più di un pizzico di “The King of the Limbs” in “Shipwreck” e “This”, o ancora per l’approccio Antipop Consortium di “Humanized”. Simbiosi riuscite, altro che no, ma buttate lì, tanto per citazionismo.

A suonare decisamente più Modeselektor ci pensano invece “Evil Twin” e “Grillwalker”, dove la prima stende alla maniera di una vecchia “Black Bloc”, ed entrambe suonano house austera e caustica. Un punto interrogativo gigante simboleggia l’electro-rap di “Pretentious Friends”: pessima e fuori luogo tanto quanto lo sarebbe stato Klaus Kinski in “la febbre del sabato sera”.

Chiude l’album la sonnolenta “War Cry”: post-techno (?!) con la gentile partecipazione dell’amico Apparat. “Monkeytown”, per dirla breve, è un album che funziona se lo ascolti ad una festa, se lo fai in una grossa stanza piena di gente e di luci. Funziona se ti muovi. Altrimenti c’è di meglio in circolazione.

Monkeytown
[ Monkeytown Records - 2011 ]
Similar Artist: Apparat, Ellen Allien
Rating:
1. Blue chords
2. Pretentiuos friends
3. Shipwreck
4. Evil twin
5. German clap
6. Berlin
7. Grillwalker
8. Green light go
9. Humanized
10. This
11. War cry

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…