MODESELEKTOR
Monkeytown

 
Tags:
 
di Angelo Murtas
4 novembre 2011
 

“Monkeytown” è poco Modeselektor. “Monkeytown” è poco tedesco. Tanto per cominciare. Tornati dopo l’esperienza (riuscita) dei Moderat, che vedeva i due berlinesi collaborare con Apparat, i Modeselektor sfornano un disco che ha ben poco a che fare con un “Happy Birthday” (2007) a caso. Vuoi per le fascinazioni Burial di “German Clap”, o per l’iniziale “Blue Clouds” che sembra tanto un parto Hyperdub, vuoi per il contributo del fan d’eccezione: Thom Yorke, che dona molto più di un pizzico di “The King of the Limbs” in “Shipwreck” e “This”, o ancora per l’approccio Antipop Consortium di “Humanized”. Simbiosi riuscite, altro che no, ma buttate lì, tanto per citazionismo.

A suonare decisamente più Modeselektor ci pensano invece “Evil Twin” e “Grillwalker”, dove la prima stende alla maniera di una vecchia “Black Bloc”, ed entrambe suonano house austera e caustica. Un punto interrogativo gigante simboleggia l’electro-rap di “Pretentious Friends”: pessima e fuori luogo tanto quanto lo sarebbe stato Klaus Kinski in “la febbre del sabato sera”.

Chiude l’album la sonnolenta “War Cry”: post-techno (?!) con la gentile partecipazione dell’amico Apparat. “Monkeytown”, per dirla breve, è un album che funziona se lo ascolti ad una festa, se lo fai in una grossa stanza piena di gente e di luci. Funziona se ti muovi. Altrimenti c’è di meglio in circolazione.

Monkeytown
[ Monkeytown Records – 2011 ]
Similar Artist: Apparat, Ellen Allien
Rating:
1. Blue chords
2. Pretentiuos friends
3. Shipwreck
4. Evil twin
5. German clap
6. Berlin
7. Grillwalker
8. Green light go
9. Humanized
10. This
11. War cry

Tracklist
 
 

Tom Brosseau – Perfect ...

Più o meno di questi tempi nel 2014 usciva “Grass Punks”, settimo album del biondo,…

Mourn – S/T

Ho aperto il mio tumblr nel 2009, sopra ci ho caricato foto e le frasi…

Public Service Broadcasting – ...

Che, tra le cose più eccitanti capitate alla musica in questo primo lustro degli anni…

Telespazio – Telespazio

Telespazio è certo un nome figo ma, per non fermarsi ad una lettura superficiale, scoprire…

Auden – Some Reckonings

Che quella degli Auden sia una storia bellissima mi pare assodato: il gruppo nasce nel…