banner

Trwbador – Sun In The Winter EP

5 novembre 2011

TAGS: ,

Se scrivessi soltanto che le canzoni di questo EP sono state composte da due ragazzi nella loro camera da letto si potrebbe pensare che questo è un disco di canzoni ad alto tasso di sussurri e sospiri stile Jane Birkin e Serge Gainsbourg. Cari maliziosetti che ho mandato fuori strada, “Sun in The Winter” suona davvero come un disco composto a letto, perchè è un viaggio in fase R.E.M. (no, Michael Stipe non c’entra) spezzettato in quattro parti, ambientato in una dimensione dalle coordinate indefinite.</p>

Owain e Angharad sono i Glen Hansard e Markéta Irglová dell’avant-pop: due personalità fatte per coesistere in un progetto musicale, due tessere di un puzzle da due pezzi. Lei dalla vocina angelica a tratti inquietante, lui ad accompagnarla con la chitarra. Quello dei Trwbador è un sound arricchito dall’uso di vari tools elettronici che danno alle canzoni un tocco alieno, da Oz sonora capitanata dalla bambina di Silent Hill e popolata da mastichini dispettosi e fate malinconiche, nè buone nè cattive, ma sedotte e abbandonate che ricordano all’infinito che il caro principe ha pure riciclato l’anello che aveva loro un tempo donato (“Once I Had a Love”). “Onions Make Me Cry” è la cover di una canzone di Princess Moon Feathers (artista che i Trwbador hanno trovato su Soundcloud) adattata al loro stile in una cantilena da Cenerentola intrappolata ad illudersi che sono le cipolle a farla piangere (che in realtà sbuccia quando è in vena di spremuta di occhi ed è di pessimo umore). “Sun in The Winter”, che da il titolo all’EP, è il pezzo forte tra le quattro, dovrebbe essere la traccia modello per i futuri lavori del duo, con cambi di tempo che si alternano fino al cuore della canzone che diventa un mantra ipnotico che poi sfuma in una tenue nuvola dai contorni  drum ‘n’ bass .</p>

Parafrasando Dorothy e  relegando la frase al processo creativo dei Trwbador, c’è solo da dire: ‘There’s no place like bedroom‘…

Cover Album

Sun In The Winter EP
[ Owlet - 2011 ]
Similar Artist: Olivia Lufkin, Caroline, CSS
Rating:
1. Sun In The Winter
2. Once I Had A Love
3. Red Handkerchiefs
4. Onions Make Me Cry

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…