THREE IN ONE GENTLEMAN SUIT
Pure

 
Tags:
 
7 Novembre 2011
 

Ne è passato veramente di tempo da quando nel lontano 2003 i Three in One Gentleman Suit( TIOGS per comodità e simpatia) prestavano ad Alta Fedeltà, trasmissione radiofonica di indie-rock e dintorni che il sottoscritto conduce ormai da parecchi anni,  la sigla d’apertura.
Era l’anno d’uscita del loro primo lavoro “Battlefields in a Autumn Scenario” e le trame post-rock così tenui ma anche così rumorose che il trio emiliano riusciva a tessere mischiavano perfettamente il sapore del conosciuto con quello del nuovo, mettendo l’ascoltatore perfettamente a suo agio.
Dopo aver inanellato quattro album, uno split in vinile e un live che racconta il loro tour cinese(?!) in download gratuito(e già solo per questo meriterebbero una stella in più) ci regalano il cd più convincente e travolgente della loro carriera.

“Pure” è la sintesi di molti anni di ricerca musicale, la ‘purezza’ dello stile firmata Three in One Gentleman Suit: un incontro virtuale tra Ian Mckaye con la sua immediatezza e urgenza espressiva tipica dei Fugazi e le ambientazioni più rarefatte ma ipnotiche tipiche dei June of 44.
Sembrerebbe un classico disco prodotto da quel geniaccio di Steve Albini che ha sempre amato il math rock contaminato con hardcore e noise, invece ancora una volta plauso a Giovanni Ferliga e Giulio Ragno Favero che tanto bene hanno saputo mettere in evidenza l’indubbio talento del gruppo modenese.

Da ‘”You don’t know foreplay” fino a “Ode to the Hometown” l’eco del tormento, della fatica e della gavetta è chiarissimo. L’odore del sudore è forte e talmente presente da rendere questo lavoro vero e sofferto come pochissimi altri il sottoscritto abbia avuto la fortuna di avere tra le mani negli ultimi tempi.
Se non vi piacciono le emozioni forti e viscerali e se preferite che la musica vi faccia da sottofondo piuttosto che da tessuto vitale avete sbagliato sicuramente band da ascoltare(e probabilmente anche webzine da leggere), lunga vita ai TIOGS e alla loro lucida e lancinante fuga dall’ovvietà.

Pure
[ Upupa/In The Bottle- 2011 ]
Similar Artist: Fugazi, Shellac, June of 44, Slint
Rating:
1. You don’t Know Foreplay
2. Green Riot
3. GB’s Deerhunting
4. Confusion is Pleausure
5. Upcoming Poets
6. Born Nihilistic
7. In the Neighborhood
8. Mountains vs Plain
9. Ode to the Hometown
Tracklist
 
 

Shame – Drunk Tank Pink

Li avevamo messi alla prova qualcosa come due anni fa, gli Shame, con il loro esordio “Songs of Praise“, e in poco tempo i ...

Mighty Oaks – All Things Go

Formati da un inglese, un italiano e uno statunitense, i Mighty Oaks sono insieme da oltre dieci anni e lo scorso febbraio hanno pubblicato ...

Brigid Mae Power – Head Above ...

A poco più di due anni dal suo sophomore, “The Two Worlds”, Brigid Mae Power è ritornata lo scorso maggio con questo suo nuovo LP, il ...

Bacchae – Pleasure Vision

Provenienti da Washington, D.C., i Bacchae hanno realizzato questo loro secondo LP lo scorso marzo per la Get Better Records di Chicago. ...

Guided By Voices – Styles We ...

Che gli possiamo dire al buon Robert Pollard, uno che solo nel 2020 ha fatto uscire ben tre album a nome Guided By Voices (ormai sempre più ...