banner

MARKETA IRGLOVA
Anar

14 novembre 2011

TAGS:

Difficile credere che Marketa Irglova abbia poco più di vent’anni. L’Oscar vinto grazie a “Falling Slowly”, il successo, la popolarità improvvisa, essere apparsa in una puntata dei Simpson a fianco dell’amico-cospiratore negli Swell Season Glen Hansard (su cui, esasperata, scaraventa il famoso piano di “Once”) l’hanno resa più matura, più adulta. La decisione di ballare da sola con questo “Anar” quindi sorprende, ma solo fino a un certo punto.

Il disco dimostra di possedere, fin dal primo ascolto, un’eleganza fuori dal comune. Decisamente lontano dal minimalismo pop dei Season, spazia senza paura tra folk venato di r’n’b (“Go Back”), soul (“Diving Timing”) e atmosfere etniche (“Dokhtar Goochani”). In nessuna delle tracce c’è spazio per il freddo calcolo o la scontata professionalità che ci si potrebbe aspettare da un artista di questa caratura. Le emozioni si rincorrono sul filo della delicata “Your Company”, di quella “Only In Your Head” che viene sussurrata più che cantata, per poi raggiungere il culmine con le note di “Let Me Fall In Love” e la malinconia di “For Old Times’ Sake”. Il fantasma di Tori Amos (quasi imprescindibile quando si parla di donne e pianoforti) aleggia benevolo su “Wings Of Desire” e “Now You Know”, ma a colpire è soprattutto la vulnerabilità che traspare da pezzi come “Crossroads” e “We Are Good”, in grado di essere intimi e personali nonostante l’arrangiamento ricercato.

L’aria d’oltreoceano (si è trasferita a New York da poco più di un anno) evidentemente fa bene a questa musicista talentuosa e infaticabile, perennemente alla ricerca di idee nuove e contaminazioni interessanti. Non si è montata la testa, lasciandosi abbagliare dalle mille luci di Hollywood come accade fin troppo spesso, ed è riuscita a regalarci un album che non passa certo inosservato.

Anar
[ Anti - 2011 ]
Similar Artist: Tori Amos, Isobel Campbell, Norah Jones
Rating:
1. Your Company
2. We Are Good
3. Crossroads
4. Wings Of Desire
5. Only In Your Head
6. Diving Timing
7. Go Back
8. Let Me Fall In Love
9. For Old Times’ Sake
10. Last Fall
11. Dokhtar Goochani
12. Now You Know

Ascolta “Crossroads” & “Go Back”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…