banner

LUCA CARBONI
Senza Titolo

21 novembre 2011

TAGS:

Piccolo bignami sul personaggio: Luca Carboni nasce a Bologna, cresce e si afferma come cantautore generazionale. Attraversa alla grande gli anni ottanta (all’epoca era talmente star che poteva benissimo presentarsi in canotta + pelo ascellare in bella vista a Fantastico e nessuno aveva nulla da ridire, nemmeno la solitamente rigida Raffaella Carrà) e buona parte degli anni novanta, poi ha una naturale e fisiologica diminuzione del grado di successo riscosso presso il grande pubblico che però non corrisponde ad un altrettanto fisiologico calo della qualità della sua musica. Non riempirà più gli stadi o i palazzetti dello sport, però Luca Carboni continua a fare musica e continua ad avere tante cose da dire (e – per inciso – lo fa ancora parecchio bene).

E Luca Carboni in questo 2011, a quasi trent’anni dagli esordi, se ne esce con un disco opportunamente intitolato “Senza titolo”, un’opera che lascia parlare soprattutto la musica ed altro non è che il suo sguardo rivolto ai tempi che stiamo vivendo, riflettendo sul passato ma nello stesso tempo sperando in un futuro in un futuro migliore. C’è tanta elettronica in bassa battuta nelle sue nuove composizioni e tutto è ridotto all’osso, a mero accompagnamento per la sua roca e peculiare voce che colma degnamente i vuoti regalando grande calore al tutto. Le sue speranze tradite – o forse quelle di un’intera generazione di ragazzi che erano giovani negli anni ottanta e con la musica credevano di cambiare il mondo – in “Riccione – Alexanderplatz”, la giocosità del primo singolo “Fare le valigie” (una cosuccia non banale che sembra quasi Samuele Bersani che suona i Kraftwerk, bisognerebbe amarla solo perché si apre con un verso del calibro di “Mi piacciono i tuoi occhi rossi col flash, riascoltare un vecchio disco dei Clash”), il suo intimo ricordo del padre nella toccante “Senza strade”, l’ironica “Cazzo che bello l’amore” (ottimo e divertente cazzeggio che mi ha fatto addirittura venire in mente la misconosciuta “Mi piace” dell’italo-meteora mid-90’s Leandro Barsotti, superstar dei programmi tv di Red Ronnie), la didascalica “Provincia d’Italia” (mentre l’ascolti ti sembra davvero di viverla e respirarla questa provincia, specie quella emiliana con le sue strade perennemente immerse nella nebbia) rendono quest’opera il classico disco che non ti aspetteresti mai da un artista che è in giro da così tanto tempo.

Onore e merito all’Uomo Carboni dunque. Saranno ormai trent’anni che è in giro, però uscendo con un disco del genere in tempi come questi dimostra più voglia di rischiare e di mettersi in gioco di tanta altra gente che attualmente è ben più celebrata e/o ricordata con affetto dal grande pubblico. Bravo.

Senza titolo
[ Sony - 2011 ]
Similar Artist: Jovanotti, Samuele Bersani, Bugo, il grande pop italiano
Rating:
1. Non Finisce Mica Il Mondo
2. Provincia d’Italia
3. Fare Le Valigie
4. Per Tutto Il Tempo
5. Cazzo Che Bello L’Amore
6. Senza Strade
7. Riccione-Alexander Platz
8. Liberi Di Andare
9. Una Lacrima
10. Madre

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…