GOLD PANDA
DJ-Kicks

 
Tags: ,
 
di Emanuele "kingatnight" Chiti
7 dicembre 2011
 

La serie “DJ-Kicks” della !K7 Records è di certo una delle iniziative in ambito electro più interessanti degli ultimi anni. Da Carl Craig ad Apparat, da Kode9 a Chromeo, negli ultimi sedici anni in questi solchi si sono intrecciate storie, suoni, esperienze, mondi sonori che sono arrivati ad abbracciare uno spettro sonoro quanto più ampio.

L’ultimo prescelto è stato Gold Panda, performer londinese classe ’80 che fa dell’eclettismo nel suo lavoro in studio e dal vivo come impronta peculiare, arma in più per distinguersi dalle tante produzioni che affollano il genere. Un guazzabuglio allegro che passa per l’indietronica, la techno, la minimal, il glitche e lambisce addirittura Idm, il simbolo di quello che potrebbe e dovrebbe essere l’elettronica dei nuovi anni ’10. Che poi è quello che è rappresentato nel disco “Lucky Shiner” del 2010, un giusto compendio del lavoro passato di Derwin (questo il suo vero nome), già all’opera su diversi singoli, poi raccolti su “Companion”, con la giusta dose di inediti per invogliare all’acquisto.

Partendo anche dalla sua esperienza come “uomo dei remix”(sotto le sue mani sono passati The Field, Bloc Party, Caribou tra gli altri), Gold Panda si è approcciato ad un progetto particolare come quello della serie “DJ-Kicks” (per chi non lo sapesse cos’è: una compilation creata dagli artisti messi alla prova dalla !K7 Records, spesso e volentieri incentrate sul mondo electro e variabili, che per indole del genere non possono che essere infinite) come se fosse a lavoro su un suo disco. Quindi massima versatilità, al punto che questa compilation non sembra neanche tanto un disco potenzialmente da “ballare” quanto da puramente ascoltare. Il finale con la composizione del milanese Giuseppe Ielasi è paradigma dell’album stesso: una distesa creata da una chitarra sognante, memore dei miglior My Bloody Valentine. Molto poco DJ, tanto arty quindi. Come l’idea di accostare il dubstep di 2562 all’elettronica retro dei Drexciya, agli incubi tendenti all’industrial dei Brainiac. Spunti “danzerecci” ce ne sono, ma quel che colpisce è la voglia di stupire di Gold Panda anche in un contesto particolare come quello di “Dj-Kicks”.

DJ-Kicks
[ !K7 – 2011 ]
Similar Artist: Four Tet, Aphex Twin, The Field
Rating:
1. Gold Panda – An Iceberg Hurtled Northward Through Clouds (DJ-Kicks)
2. Melchior & Pronsato – Puerto Rican Girls
3. Bok Bok – Charisma Theme
4. Drexciya – Andreaen Sand Dunes
5. Muslimgauze – Uzi Mahmood 8
6. Pawel – Coke
7. Ramadanman – Revenue (Untold Remix)
8. SND – Palo Alto
9. Zomby – Godzilla
10. Closer Musik – Maria
11. Gold Panda – Back Home
12. Christopher Rau – Do Little
13. Jan Jelinek – If’s, And’s And But’s
14. Nao Tokui – Monolith
15. Sigha – Shake
16. Opiate – Amstel
17. 2562 – Dinosaur
18. Matthewdavid – Like You Mean It
19. Brainiac – The Turnover
20. LV & Untold – Beacon
21. Autistici – Heated Dust On A Sunlit Window
22. Giuseppe Ielasi – 2

Ascolta “DJ Kicks 12″ “

Tracklist
 
 

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…

Melvins – Hold It In

I Melvins sono il passato, il presente ed il futuro della musica. (Kurt Cobain).…

Dracula Lewis – Technical XTC

Anche se si è ormai perso quel gusto iniziale per il mistero e l’ambiguità…

Lamb – Backspace Unwind

Mi trovo un poco in soggezione a parlare degli inglesi Lamb: il duo mancuniano…

Omosumo – Surfin’ Gaza

È un disco ambizioso questo esordio dei siciliani Omosumo (Angelo Sicurella, Roberto Cammarata e…