ATLAS SOUND
Parallax

 
 
12 Dicembre 2011
 

Il tempo non è poi questo gran male, dopotutto. Basta usarlo bene, e si può tirare qualsiasi cosa, come un elastico, finché da una parte o dall’altra si spacca, e eccoti lì, con tutta la tragedia e la disperazione ridotta a due nodini fra pollice e indice delle due mani. È quanto scriveva Faulkner nei primissimi anni 30. Questa era la sua concezione del dolore. E del tempo. In quegli anni la cosa più grossa che riusciva a frapporsi tra la vita ed il suo umido e fumoso Mississippi era la Grande Depressione. O anche la questione della pelle. Bianco e nero. Di anni ne sono passati da allora, e ti ritrovi fuori la porta di un pub, birra in mano, con la voglia di scappare.

È così che i turbamenti del giovane Bradford Cox: volto emaciato, sguardo languido e leader dei progetti paralleli Atlas Sound e Deerhunter, fanno di “Parallax” il luogo del loro sfogo spirituale. La voglia di fuggire. Di uscire dall’ombra. E quello che si percepisce è una cognizione della tragedia in senso circolare. Proprio come quell’elastico di Faulkner. Qualcosa con cui puoi giocare ma che poi finisce inevitabilmente per svelarsi. Pretend you know the way out of the trap/ And we will go to sleep/ And we’ll have the same dream. Sono le parole di “Te Amo”. Cicilicità. Ossessioni. Sono il succo del percorso intimista di Cox. Che non avrà mai la caratura intellettuale di un Faulkner qualsiasi, ma rispetto alla musica ha una sua concezione del pop che se non è rivoluzione poco ci manca.

Ad un anno di distanza da “Halcyon Diges” e a due da “Logos”, quello che cambia è il modo di raccontarsi, ora alla ricerca di una soluzione più semplice. Più schietta. Non un pugno in faccia da Foreman, ma neanche una giostra di parole e percorsi obliqui. “Parallax” è un tappeto di fantasie liquide e sognanti. Dodici tracce dal piglio genuino di una confessione, di cui la già citata “Te Amo”, con il suo psych-pop fluttuante tra una realtà distorta, acquatica, ed il sogno, ne è l’emblema. Il giro di piano è un vortice che guida in un mondo parallelo. Temporaneo. Mentre la voce di Cox viaggia come attaccata alle pareti.

Tutto l’album scorre disteso, sonnolento, senza mai annoiare. Non ci sono pezzi in grado di trascinare le piazze, né mai gli Atlas Sound l’hanno cercato, ma dietro l’onestà di una “The Shakes” o di una “My Angel is Broken” capisci che qualcosa è accaduto. Ne sei rapito. “Modern Aquatic Nightsongs” – che ricorda vagamente i Radiohead meno elettronici di “Kid A” – è come galleggiare a testa in su, sguardo perso nella notte. “Terra Incognita” è molto più di una ballad acustica. A place I’d be/ Able to see clearly/ The beginning and end/ I want to begin. È una via di uscita. Una fantasia. Nello scontro tra il nero dell’ombra ed il bianco della luce non si ammettono sfumature, vince l’ipodiscendenza. Ma eccolo poi fare un passo indietro nella conclusiva e più deerhunteriana “Lightwork”. Everywhere I look/ There is a light and/ There’s no pain. Forse pentito. Magari redento.

Messo a segno l’ennesimo colpo vincente, sul talento cristallino di Bradford Cox ci si può ormai scommettere. E quando un giorno la memoria collettiva avrà finalmente assimilato e decodificato gli anni in cui viviamo, il suo nome sarà molto più che un semplice ricordo. Un giorno, quando anche lui avrà abbandonato certe scappatoie forse ancora adolescenziali, di “Parallax” rimarranno le suggestioni e gli Atlas Sound, così come i Deerhunter, a quel punto, avranno fatto scuola.

Cover Album

Parallax
[ 4AD – 2011 ]
Similar Artist: Deerhunter
Rating:
1. The Shakes
2. Amplifiers
3. Te Amo
4. Parallax
5. Modern Aquatic Nightsongs
6. Mona Lisa
7. Praying Man
8. Doldrums
9. My Angel Is Broken
10. Terra Incognita
11. Flagstaff
12. Lightworks

Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...