FAST ANIMALS AND SLOW KIDS
Cavalli

 
Tags:
 
26 dicembre 2011
 

Chi sono i Fast Animals And Slow Kids ve lo lascio spiegare direttamente dalle quattro righe di presentazione che compaiono sul loro myspace “I fast animals and slow kids sono un gruppo carinino che fa musica piacevolina. All’interno del gruppo si vogliono tutti bene e sono tutti amici quindi sono anche felici della vita…Il progetto è nato nel 2008 e si può dire che da quel giorno i FASK se ne sono sbattuti alla grande; tanto che continuano a mandare in giro registrazioni casuali che nascondono il loro reale gusto musicale….Mah. Ciò non ha alcun senso. Come di fondo anche questa biografia se uno ci riflette su. Dopo tutto. Insomma. Infatti. Tranne il bassista Jacopo Gigliotti che ha i peli sulla faccia (barba) gli altri dei fast animals sono ancora giovani e si chiamano Aimone Romizi (chitarra finta-voce timida), Alessandro Guercini (pubertà-chitarra solista) e Alessio Mingoli (batteria-lentezza). Che altro dire? Che per esempio i FASK credono che nessuno leggerà questa biografia? Lo sperano.”

Ecco, questa presentazione risale a circa tre anni fa e da allora i quattro peruGGini hanno dato alle stampe un ep, “Questo è un cioccolatino”, con il quale si son fatti conoscere un po ovunque e da chiunque (il chiunque in questione porta soprattutto il nome di Appino degli Zen Circus) e che li ha portati a produrre un disco, un vero Disco, dal nome anch’esso un po strambo: “Cavalli”.

I FASK ripartono da dove avevano lasciato, da quei quattro pezzi punk-rock, per dirlo a modo loro, ‘spiritosino’ (“Cioccolatino”, “Lei”, “Pontefice”, “Mangio”), cui costruiscono attorno altri sette pezzi sulla base di testi sarcastico/pungenti e di un sound ‘cazzuto’ (merito anche della presenza del sopracitato Appino e Giulio Ragno Favero alla produzione). Un sound esplosivo a-la Teatro degli Orrori (“Nervi”, “Gusto”, “Pontefice”) si fonde a testi che ti rispediscono dritto nella tua vecchia cameretta ai tempi dell’adolescenza, e ti trovi a pogare da solo come un ‘coglionotto’ (“Lei”, “Collina”, “Mangio”) per tutti i trentatré minuti, fatta eccezione per i due momenti ‘riprendi-fiato’ di “Copernico” e “Guerra” in cui Aimone &co. dimostrano tutta la loro ‘maturità’, musicalmente parlando, perché a noi i FASK, sappiatelo, ci piacciono ccciovani, immaturi e casinisti, il più possibile!

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
Cavalli
[ Ice For Everyone – 2011 ]
Similar Artist: Teatro degli Orrori
Rating:
1. Nervi
2. Cioccolatino
3. Gusto
4. Lei
5. Copernico
6. Pontefice
7. Collina
8. Lì
9. Mangio
10. Organi
11. Guerra

Ascolta “Lei”

Tracklist
 
 

The Smashing Pumpkins – Shiny ...

La situazione del mio Milan è molto vicina alla band di Billy Corgan, che oggettivamente fa parte della storia e ha scritto pagine di ...

Bloodbath – The Arrow Of ...

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano ...

The Ar-Kaics – In This Time

Iniziare la recensione di questo disco firmato The Ar-Kaics partendo dalla cover mi sembra una buona idea. In genere non vengono neppure ...

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...