FAST ANIMALS AND SLOW KIDS
Cavalli

 
Tags:
 
26 dicembre 2011
 

Chi sono i Fast Animals And Slow Kids ve lo lascio spiegare direttamente dalle quattro righe di presentazione che compaiono sul loro myspace “I fast animals and slow kids sono un gruppo carinino che fa musica piacevolina. All’interno del gruppo si vogliono tutti bene e sono tutti amici quindi sono anche felici della vita…Il progetto è nato nel 2008 e si può dire che da quel giorno i FASK se ne sono sbattuti alla grande; tanto che continuano a mandare in giro registrazioni casuali che nascondono il loro reale gusto musicale….Mah. Ciò non ha alcun senso. Come di fondo anche questa biografia se uno ci riflette su. Dopo tutto. Insomma. Infatti. Tranne il bassista Jacopo Gigliotti che ha i peli sulla faccia (barba) gli altri dei fast animals sono ancora giovani e si chiamano Aimone Romizi (chitarra finta-voce timida), Alessandro Guercini (pubertà-chitarra solista) e Alessio Mingoli (batteria-lentezza). Che altro dire? Che per esempio i FASK credono che nessuno leggerà questa biografia? Lo sperano.”

Ecco, questa presentazione risale a circa tre anni fa e da allora i quattro peruGGini hanno dato alle stampe un ep, “Questo è un cioccolatino”, con il quale si son fatti conoscere un po ovunque e da chiunque (il chiunque in questione porta soprattutto il nome di Appino degli Zen Circus) e che li ha portati a produrre un disco, un vero Disco, dal nome anch’esso un po strambo: “Cavalli”.

I FASK ripartono da dove avevano lasciato, da quei quattro pezzi punk-rock, per dirlo a modo loro, ‘spiritosino’ (“Cioccolatino”, “Lei”, “Pontefice”, “Mangio”), cui costruiscono attorno altri sette pezzi sulla base di testi sarcastico/pungenti e di un sound ‘cazzuto’ (merito anche della presenza del sopracitato Appino e Giulio Ragno Favero alla produzione). Un sound esplosivo a-la Teatro degli Orrori (“Nervi”, “Gusto”, “Pontefice”) si fonde a testi che ti rispediscono dritto nella tua vecchia cameretta ai tempi dell’adolescenza, e ti trovi a pogare da solo come un ‘coglionotto’ (“Lei”, “Collina”, “Mangio”) per tutti i trentatré minuti, fatta eccezione per i due momenti ‘riprendi-fiato’ di “Copernico” e “Guerra” in cui Aimone &co. dimostrano tutta la loro ‘maturità’, musicalmente parlando, perché a noi i FASK, sappiatelo, ci piacciono ccciovani, immaturi e casinisti, il più possibile!

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
Cavalli
[ Ice For Everyone – 2011 ]
Similar Artist: Teatro degli Orrori
Rating:
1. Nervi
2. Cioccolatino
3. Gusto
4. Lei
5. Copernico
6. Pontefice
7. Collina
8. Lì
9. Mangio
10. Organi
11. Guerra

Ascolta “Lei”

Tracklist
 
 

Andy Burrows & Matt Haig ...

Sono passati ormai cinque anni dal suo ultimo album, “Fall Together Again”, ma questo weekend Andy Burrows è ritornato con il suo ...

C’Mon Tigre – Racines

Le radici per la propria terra, l’inclinazione al viaggio. Due concetti apparentemente in antitesi, ma chi è nato sul mare non potrà ...

Le Butcherettes – Bi / Mental

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo ...

Guided by Voices – Zeppelin ...

Nuovo album per la band di Robert Pollard, da sempre leader dei Guided by Voices, band di cui abbiamo notizie sin dal lontano 1983. Dopo due ...

Ian Brown – Ripples

“Don’t be sad it’s over, be happy that it happened”. Così chiosava King Monkey, al secolo Ian George Brown, dopo ...