banner

THEE MARVIN GAYS
S/T

27 gennaio 2012

TAGS: , ,

Che caspita di sorpresa! Proprio mentre mi accingo a chiudere la mia sessione serale di band-scouting in rete, mi imbatto in una entusiastica recensione di questi Thee Marvin Gays dal Belgio. No, con i dEUS non c’entrano molto, in realtà. Piuttosto, è con i Thee Oh Sees che i Nostri condividono qualcosa, e non è solo la prima parola del nome.

Il ritmo incalzante è quello, le schitarrate rapide pure, così come i colpi sferzanti di batteria. Persino alcuni urlacci qua e là, nell’iniziale “Gotta Go” ad esempio. Si prosegue speditissimi che manco la fuga di “Elwood” e “Jake Blues” da quel poliziotto con le fattezze di Chris Martin, con le schegge impazzite “Seducer”, “Troma II” e “No Carpenter”. Continuo a pensare e ripensare che questi sono i cuginetti europei di John Dwyer &co., quando arriva il colpo: una “Hunter” spagnoleggiante con un intermezzo velvetundergroundiano. La successiva “Blind People” mette in mostra una bella chitarrona al limite dello stoner in un’atmosfera quasi surf: il migliore episodio di un disco che si chiude 9 minuti dopo (per un totale di 26) con il solito rimpasto di punk, garage-pop e rock’n'roll sixties e con una Desperatly Ill particolarmente degna di nota che rimanda dritti ai Girls di “Album”.

Se cercate innovatori e sperimentatori questo non è il disco per voi, ma io vi invito a scaricarlo ugualmente (e gratuitamente) dal loro Bandcamp e a conservarlo per i momenti in cui vorrete abbandonarvi ad una caramella di melodia e rumore in salsa psichedelica. Niente rivoluzioni, ok, ma volete mettere trovare sti tizi giusto prima di lavarsi i denti e rinculare a letto per una giornata successiva a base di Heidegger, Lèvinas e uno a scelta tra Conrad e Apel?

Thee Marvin Gays
[ autoprodotto - 2011 ]
Similar Artist: Thee Oh Sees, Velvet Underground, Girls
Rating:
1. Gotta Go
2. Seducer
3. Troma II
4. No Carpenter
5. Hunter
6. Blind People
7. Get Married
8. The Fake
9. Left for Dead
10. Desperatly ill
11. Jack’s House

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…