THEE MARVIN GAYS
S/T

 
 
di Alessandro "Diciaddùe" Schirano
27 gennaio 2012
 

Che caspita di sorpresa! Proprio mentre mi accingo a chiudere la mia sessione serale di band-scouting in rete, mi imbatto in una entusiastica recensione di questi Thee Marvin Gays dal Belgio. No, con i dEUS non c’entrano molto, in realtà. Piuttosto, è con i Thee Oh Sees che i Nostri condividono qualcosa, e non è solo la prima parola del nome.

Il ritmo incalzante è quello, le schitarrate rapide pure, così come i colpi sferzanti di batteria. Persino alcuni urlacci qua e là, nell’iniziale “Gotta Go” ad esempio. Si prosegue speditissimi che manco la fuga di “Elwood” e “Jake Blues” da quel poliziotto con le fattezze di Chris Martin, con le schegge impazzite “Seducer”, “Troma II” e “No Carpenter”. Continuo a pensare e ripensare che questi sono i cuginetti europei di John Dwyer &co., quando arriva il colpo: una “Hunter” spagnoleggiante con un intermezzo velvetundergroundiano. La successiva “Blind People” mette in mostra una bella chitarrona al limite dello stoner in un’atmosfera quasi surf: il migliore episodio di un disco che si chiude 9 minuti dopo (per un totale di 26) con il solito rimpasto di punk, garage-pop e rock’n’roll sixties e con una Desperatly Ill particolarmente degna di nota che rimanda dritti ai Girls di “Album”.

Se cercate innovatori e sperimentatori questo non è il disco per voi, ma io vi invito a scaricarlo ugualmente (e gratuitamente) dal loro Bandcamp e a conservarlo per i momenti in cui vorrete abbandonarvi ad una caramella di melodia e rumore in salsa psichedelica. Niente rivoluzioni, ok, ma volete mettere trovare sti tizi giusto prima di lavarsi i denti e rinculare a letto per una giornata successiva a base di Heidegger, Lèvinas e uno a scelta tra Conrad e Apel?

Thee Marvin Gays
[ autoprodotto – 2011 ]
Similar Artist: Thee Oh Sees, Velvet Underground, Girls
Rating:
1. Gotta Go
2. Seducer
3. Troma II
4. No Carpenter
5. Hunter
6. Blind People
7. Get Married
8. The Fake
9. Left for Dead
10. Desperatly ill
11. Jack’s House

Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

The Fire – Bittersweet EP

Dal 2005 i The Fire hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo…

Feet Down Below – S/T

I piacentini Feet Down Below, non sono quelle band che si tuffano a capofitto in…

Wet Floor – Profezia In 12 ...

Idolatria “fuck off”, questo gira come valore supremo nel nuovo disco dei monzesi Wet Floor,…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…