banner

THE FADES (Serie TV)

2 febbraio 2012

TAGS:

The Fades tv series

Le serie tv inglesi hanno il dono dell’equilibrio, riuscendo a riassumere le storie in un ridotto numero di stagioni ed episodi, onde evitare dispersione o cali di ispirazione. Inoltre manca quella sensazione patinata che aleggia su alcune produzioni americane. “The Fades”, non ancora giunto in Italia, è uno degli ultimi esponenti del filone britannico. La storia vede come protagonista Paul (Ian De Caestecker), un teenager che dietro l’aspetto di diciassettenne un po’ sfigato, nasconde un grande potere, quello di riuscire a vedere le anime dei “dissolti”, persone morte che per qualche motivo legato alla casualità sono rimaste bloccate sulla Terra. Non è l’unico, in quanto ben presto entra in contatto con un gruppo di persone chiamati “Angelics” che cercano di ricostituire l’antico equilibrio tra le anime bloccate e i vivi.

Tutto questo perché accade qualcosa cambia le carte in tavola e sembra presagire ad una lotta apocalittica tra i due mondi in cui il Nostro sembrerebbe avere un ruolo primario. Senza andare troppo avanti con gli spoiler, è necessario descrivere ciò che funziona bene all’interno dei sei episodi della prima stagione. Innanzitutto le atmosfere, quelle tetre delle vicissitudini degli angelici, in contrasto con quelle più leggere della quotidianità di Paul e del suo miglior amico Mac, ancora alla ricerca del primo bacio. La narrazione alterna momenti più accesi e prettamente horror ad altri di spirito più leggero, da “teen drama”. All’inizio sembrerebbe proprio questo gioco di contrasti la peculiarità della serie, invece viene messa molta carne a fuoco che, almeno nei primi episodi, spiazza un po’ il telespettatore per poi propendere per la componente più horror/action.

Quello che funziona meno è la cura di alcuni personaggi; avrebbe giovato mettere in risalto la “nerditudine” dei due ragazzi, spostando l’ago della bilancia verso una maggior dose di ironia nel contesto angosciante di tutto il resto. Forse proprio l’eccessiva parsimonia dei britannici nel proporre serie tv che non vadano oltre una manciata di episodi, ha in parte tarpato le ali ad un prodotto comunque interessantissimo. Si finisce inevitabilmente per sacrificare qualcosa sul piano della caratterizzazione di personaggi in favore di un ritmo narrativo sempre più veloce. In definitiva un prodotto ben confezionato, originale quanto basta e ancora con ampi margini di miglioramento, anche se non possiamo sblilanciarci sul futuro. Difatti pare non sia ancora stata ufficializzata una seconda stagione, anche se il finale della prima, pur avendo una conclusione abbastanza netta, metterebbe le basi per un seguito.

Indie Top Ten, nona posizione
Rating:
Creato da Jack Thorne
Produzione: Caroline Skinner
Con: Iain De Caestecker, Daniel Kaluuya, Johnny Harris, Daniela Nardini, Joseph Dempsie
Anno: 2011
Paese: UK
N° di serie: 1
N° di episodi: 6
Durata episodi: 60 min.











The Fades – Trailer – BBC Three

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Get Hurt

THE GASLIGHT ANTHEM
Get Hurt

La musica, almeno per chi la ascolta, è quasi sempre una faccenda privata. In…

Lese Majesty

SHABAZZ PALACES
Lese Majesty

Nel 2011 erano stati una ventata di freschezza, un’alternativa intellettuale e raffinata all’estetica swag…

Barragán

BLONDE REDHEAD
Barragán

Luis Ramiro Barragán Morfín è stato uno dei più importanti architetti del ventesimo secolo.…

Crush Songs

KAREN O
Crush Songs

C’è una mia amica che ogni tanto mi chiede di mandarle un po’ di…

Coyote EP

GRAMLINES
Coyote EP

Quello che stupisce – mettendosi sulla lunghezza d’onda dei padovani GramLines – è quel…

No Bells On Sunday EP

MARK LANEGAN BAND
No Bells On Sunday EP

La discografia di Mark Lanegan è quasi diventata un labirinto; non è facile ricordarsi…

What’s Inside/The Heart of Seashells?

WONDERFLU
What’s Inside/The Heart of Seashells?

Tre ragazzi francesi e un italiano (alla batteria) compongono i Wonderflu, band parigina che,…

Lazaretto

JACK WHITE
Lazaretto

Jack White è un mago della musica: qualsiasi etichetta si voglia affibbiare all’artista statunitense…