PORCELAIN RAFT
Strange Weekend

 
Tags: ,
 
6 Febbraio 2012
 
Porcelain Raft

La tentazione di cominciare questa recensione col solito pippone su come l’Italia, musicalmente parlando, sia messa peggio del Burundi è tanta, ma tanta veramente eh. E invece no, questa volta si metteranno da parte la pressoché totale mancanza di determinati sottogeneri nella scena indipendente italiana, la difficoltà con cui gruppi emergenti riescano a raggiungere buoni risultati o tantomeno la grottesca situazione dell’airplay nazionale, limitando al discorso all’ascesa di Mauro Remiddi, musicista romano con base a Londra al proprio debutto discografico su Secretly Canadian.

I fondamentali da sapere su Remiddi sono le collaborazioni con gli Yuck e le aperture per gli ultimi tour di M83 e Blonde Redhead. Proprio alle ultime divagazioni sintetiche di Kazu Makino e soci si riallaccia fortemente la formula compositiva di Porcelain Raft, un dream pop malinconico agghindato da sudiciumi lo-fi, retrogusti chillwave e drum machine eteree quanto basta, concepito in un’atmosfera tra sogno e realtà affine a quelle più celebri di Beach House e AIR, riferimento che torna prepotentemente sul piano vocale, dove il tono dimesso e sommerso dalle strumentazioni di Remiddi va ad avvicinarsi alle androgine vocalità di Darkel e della Legrand. Un disco che ha quindi tutte le carte in regola per far gola senza grandi difficoltà alla critica come al pubblico indipendente, come già appurato per i precedenti EP.

Melodie indie-pop dotate di una sensibilità rara, come in “Drifting In And Out”, nella ritmata “Put Me To Sleep” o nella deliziosa “Unless You Speak From Your Heart”, sorta di fusione tra gli ultimi Beach House di “Walk In The Park” e gli AIR più pop di “Alpha Beta Gaga”, ma anche la dimensione più onirica e rarefatta dell’avvolgente “Backwords”, distinta dal retrogusto epicheggiante di certi anni ’80, o le sperimentazioni industriali di “If You Have A Wish” e le chitarre brit-pop di “Picture”. Insomma un disco che mantenendo una propria identità emotiva vira verso una variegazione musicale eccezionale, il primo debutto eccellente dell’anno appena iniziato.

Cover Album

Strange Weekend
[ Secretly Canadian – 2012 ]
Similar Artist: Keep Shelly In Athens, Memoryhouse, Blood Diamonds
Rating:
1. Drifting In And Out
2. Shapeless & Gone
3. Is It Too Deep For You
4. Put Me To Sleep
5. Backwords
6. Unless You Speak From Your Heart
7. The End Of Silence
8. If You Have A Wish
9. Picture
10. The Way In
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...