banner

KING MIDAS SOUND
Without You

13 febbraio 2012

TAGS:

King Midas Sound

Tra le uscite di cui avremmo potuto maggiormente fare a meno nel 2011, “Without You” probabilmente merita un richiamo. E di motivi ce ne sono. Partendo da una base solida qual’era il precedente “Waiting For You” i King Midas Sound, cullati dalla formidabile Hyperdub, non fanno altro che ripresentarci gli stessi brani dell’esordio ri-lavorati. Si fanno accompagnare da una masnada di ospiti del calibro dei Gang Gang Dance, Flying Lotus e del patron Kode9 e quello che ne viene fuori è un lavoro senz’anima che toglie – e quasi mai dà – quanto di buono c’era nei pezzi originali.

Battiti ovattati e ritmiche troncate, bassi da fare la gioia dei subwoofer di mezzo mondo, atmosfere cupe e soul nero, echi non troppo lontani di Massive Attack e Tricky. Era questo che aveva fatto la fortuna del sorprendente album d’esordio. Ed è questa la forma, la sostanza, lo stile King Midas. Di dubstep ce n’era e ce n’è poca, contrariamente a quanto si può credere. “Without You” è dunque un re-work il cui più grande pregio è quello di farsi dimenticare velocemente.  Tutti a bocca asciutta, quindi, di fronte una “Earth A Kill Ya” che, con lo zampino dei Gang Gang Dance, si colora (qui all’ossimoro) di venature à la Animal Collective, o ad una “Lost” trasformata in qualcosa di più complicato, ma soprattutto incompiuto. Tutti a bocca asciutta di fronte al lavoro di revoice su “Tears”, “Spin Me Around” e “Say Somethin’”.

A salvare la dignità ci pensano l’andazzo dub di “Lost Nite” che tanto assomiglia ad amnesie notturne dopo qualche birra di troppo, e la pungente “Goodbye Girl” da cui trapela con orgoglio il marchio di fabbrica Hyperdub. Poco da salvare, allora, molto da dimenticare per un album che, alla fine dei conti, risulta essere più inutile che brutto. Il consiglio per tutti quelli che, come me, hanno adorato “Without You” è quello di passare avanti, ignari. Per tutti gli altri è di fare un passo indietro, cominciare dall’inizio e lasciarsi sedurre.

Without You
[ Hyperdub - 2011 ]
Similar Artist: Kode9, Zomby, The Bug.
Rating:
1. Goodbye Girl (Kuedo rework)
2. Without You (D-Bridge revoice)
3. Lost (Flying Lotus Rework)
4. Earth A Kill Ya (Gang Gang Dance Rework)
5. Tears (Kiki Hitomi Revoice)
6. Spin Me Around (Cooly G Revoice)
7. Goodbye Girl (Robert Aiki Aubrey Lowe Rework)
8. Say Somethin’ (Joel Ford Revoice)
9. Lost (Nite Jewel Rework)
10. Sumtime (Hype Williams Rework)
11. Meltdown (Kode 9/Spaceape Rework)
12. Earth A Kill Ya (Mala Rework)
13. Goodbye Girl (DeepChord presents Echospace Rework)
14. Come and Behold (Green Gartside revoice)
15. Cool Out (Ras G & the Afrikan Space Program Rework)

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…