banner

KING MIDAS SOUND
Without You

13 febbraio 2012

TAGS:

King Midas Sound

Tra le uscite di cui avremmo potuto maggiormente fare a meno nel 2011, “Without You” probabilmente merita un richiamo. E di motivi ce ne sono. Partendo da una base solida qual’era il precedente “Waiting For You” i King Midas Sound, cullati dalla formidabile Hyperdub, non fanno altro che ripresentarci gli stessi brani dell’esordio ri-lavorati. Si fanno accompagnare da una masnada di ospiti del calibro dei Gang Gang Dance, Flying Lotus e del patron Kode9 e quello che ne viene fuori è un lavoro senz’anima che toglie – e quasi mai dà – quanto di buono c’era nei pezzi originali.

Battiti ovattati e ritmiche troncate, bassi da fare la gioia dei subwoofer di mezzo mondo, atmosfere cupe e soul nero, echi non troppo lontani di Massive Attack e Tricky. Era questo che aveva fatto la fortuna del sorprendente album d’esordio. Ed è questa la forma, la sostanza, lo stile King Midas. Di dubstep ce n’era e ce n’è poca, contrariamente a quanto si può credere. “Without You” è dunque un re-work il cui più grande pregio è quello di farsi dimenticare velocemente.  Tutti a bocca asciutta, quindi, di fronte una “Earth A Kill Ya” che, con lo zampino dei Gang Gang Dance, si colora (qui all’ossimoro) di venature à la Animal Collective, o ad una “Lost” trasformata in qualcosa di più complicato, ma soprattutto incompiuto. Tutti a bocca asciutta di fronte al lavoro di revoice su “Tears”, “Spin Me Around” e “Say Somethin’”.

A salvare la dignità ci pensano l’andazzo dub di “Lost Nite” che tanto assomiglia ad amnesie notturne dopo qualche birra di troppo, e la pungente “Goodbye Girl” da cui trapela con orgoglio il marchio di fabbrica Hyperdub. Poco da salvare, allora, molto da dimenticare per un album che, alla fine dei conti, risulta essere più inutile che brutto. Il consiglio per tutti quelli che, come me, hanno adorato “Without You” è quello di passare avanti, ignari. Per tutti gli altri è di fare un passo indietro, cominciare dall’inizio e lasciarsi sedurre.

Without You
[ Hyperdub - 2011 ]
Similar Artist: Kode9, Zomby, The Bug.
Rating:
1. Goodbye Girl (Kuedo rework)
2. Without You (D-Bridge revoice)
3. Lost (Flying Lotus Rework)
4. Earth A Kill Ya (Gang Gang Dance Rework)
5. Tears (Kiki Hitomi Revoice)
6. Spin Me Around (Cooly G Revoice)
7. Goodbye Girl (Robert Aiki Aubrey Lowe Rework)
8. Say Somethin’ (Joel Ford Revoice)
9. Lost (Nite Jewel Rework)
10. Sumtime (Hype Williams Rework)
11. Meltdown (Kode 9/Spaceape Rework)
12. Earth A Kill Ya (Mala Rework)
13. Goodbye Girl (DeepChord presents Echospace Rework)
14. Come and Behold (Green Gartside revoice)
15. Cool Out (Ras G & the Afrikan Space Program Rework)

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…