banner

FARMER SEA
A Safe Place

15 febbraio 2012

TAGS: ,

Farmer Sea

Da sempre, considero i gruppi italici che si dilettano nel cantare in inglese, una mezza presa per i fondelli. È una questione di contesti. Sono convinto del fatto che i gruppi che propongono una musica presa in prestito dal paese a stelle e strisce o dalla più vicina albione, cercano solamente di sopperire al fatto di aver avuto la sfortuna di nascera a Biella piuttosto che a Seattle. C’ho sempre trovato poca autenticità e originalità, come a dire “lasciate il britpop a chi è veramente, nel sangue, brit”, “il grunge agli sfattoni di Seattle, o giù di lì”.
I Farmer Sea rientrano in questa categoria di gruppi che ho accolto sempre con la puzza sotto al naso, e con estrema diffidenza, seppur ciò che fanno, va dato loro il merito, lo sanno fare più che egregiamente bene.

A dimostrazione del mio snobismo per i gruppi nostrani, c’è il fatto che del gruppo torinese, nato nel 2004, mi sono perso sia il precedente album “Low Fidelity in Relationship” uscito nel 2009, che i due ep “Where People Get Lost And Stars Collide” del 2005 e “Helsinki Under The Great Snow” datato 2007.

Avrete sicuramente capito l’andazzo, giuro però che c’ho provato a farmelo piacere questo“A Safe Place”, ma niente, o quasi. Devo dire che la partenza m’aveva anche entusiasmato, la malinconica “The Fear” e il jinglepop di “To the Sun” erano pezzi di tutto rispetto, ma che lasciavano tuttavia intendere quale strada avrebbe percorso il disco dei torinesi: un alternarsi di pezzi grigioscuri (“Lights” “Summer Always Comes Too Late For Us”) e altri vagamente più solari (“Small Revolutions” e “Nothing Ever Happened”), ma sempre avvolti da uno strato di nubi, che alla lunga, al sottoscritto, facevano risultare l’insieme dei 10 pezzi un po’ pesantuccio.

Non me ne vogliate se mi son permesso di bistrattare questi quattro torinesi, ma tra me e la loro si è alzato come un muro, che non ha permesso alla loro musica di arrivare dritta al mio cuore, come invece successo a gran parte della critica nostrana… vi consiglio comunque fortemente di ascoltarli, perchè forse, alla fine, si tratta solo di un problema di incomunicabilità emozionale tra loro e il sottoscritto, che probabilmente si risolverà nel giro di qualche ascolto.

A Safe Place
[ Dead End Street Records - 2012 ]
Similar Artist: Notwist
Rating:
1. The Fear
2. To the Sun
3. Lights
4. Small Revolutions
5. The Green Bed
6. Nothing Ever Happened
7. Number 7
8. Summer Always Comes Too Late For Us
9. Disappearing Season
10. For Too Long




Ascolta “The Fear”

 

Articoli Correlati:

3 commenti »

Ultime recensioni

El Pintor

INTERPOL
El Pintor

Scegliere l’anagramma del tuo nome come titolo dell’album non è una mossa particolarmente intelligente,…

Worship The Sun

ALLAH-LAS
Worship The Sun

Hanno un bel coraggio gli Allah Las a chiamare il loro secondo disco “Worship…

Circles

NEWS FOR LULU
Circles

“Circles” è un disco che parla di momenti simili in situazioni diverse, di barriere,…

///AUTO RECALL///

APACHE JACKSON
///AUTO RECALL///

L’etichetta AMDisc (per cui è passato anche il nostro Marco Acquaviva con il secondo…

Sukierae

TWEEDY
Sukierae

Parto subito forte. “Sukierae” è un grande disco. Jeff Tweedy da Chicago, leader di…

Rapsodia Satanica

GIARDINI DI MIRò
Rapsodia Satanica

“Rapsodia satanica” è la colonna sonora che i Giardini di Mirò hanno scritto per…

Endgame

ITAL
Endgame

Daniel Martin-McCormick, in arte Ital, è un artista poliedrico che con le sue scelte…

Poolside

EZZA ROSE
Poolside

Quando l’amore per la musica e le letture immaginarie della vita si palesano con…