banner

FARMER SEA
A Safe Place

15 febbraio 2012

TAGS: ,

Farmer Sea

Da sempre, considero i gruppi italici che si dilettano nel cantare in inglese, una mezza presa per i fondelli. È una questione di contesti. Sono convinto del fatto che i gruppi che propongono una musica presa in prestito dal paese a stelle e strisce o dalla più vicina albione, cercano solamente di sopperire al fatto di aver avuto la sfortuna di nascera a Biella piuttosto che a Seattle. C’ho sempre trovato poca autenticità e originalità, come a dire “lasciate il britpop a chi è veramente, nel sangue, brit”, “il grunge agli sfattoni di Seattle, o giù di lì”.
I Farmer Sea rientrano in questa categoria di gruppi che ho accolto sempre con la puzza sotto al naso, e con estrema diffidenza, seppur ciò che fanno, va dato loro il merito, lo sanno fare più che egregiamente bene.

A dimostrazione del mio snobismo per i gruppi nostrani, c’è il fatto che del gruppo torinese, nato nel 2004, mi sono perso sia il precedente album “Low Fidelity in Relationship” uscito nel 2009, che i due ep “Where People Get Lost And Stars Collide” del 2005 e “Helsinki Under The Great Snow” datato 2007.

Avrete sicuramente capito l’andazzo, giuro però che c’ho provato a farmelo piacere questo“A Safe Place”, ma niente, o quasi. Devo dire che la partenza m’aveva anche entusiasmato, la malinconica “The Fear” e il jinglepop di “To the Sun” erano pezzi di tutto rispetto, ma che lasciavano tuttavia intendere quale strada avrebbe percorso il disco dei torinesi: un alternarsi di pezzi grigioscuri (“Lights” “Summer Always Comes Too Late For Us”) e altri vagamente più solari (“Small Revolutions” e “Nothing Ever Happened”), ma sempre avvolti da uno strato di nubi, che alla lunga, al sottoscritto, facevano risultare l’insieme dei 10 pezzi un po’ pesantuccio.

Non me ne vogliate se mi son permesso di bistrattare questi quattro torinesi, ma tra me e la loro si è alzato come un muro, che non ha permesso alla loro musica di arrivare dritta al mio cuore, come invece successo a gran parte della critica nostrana… vi consiglio comunque fortemente di ascoltarli, perchè forse, alla fine, si tratta solo di un problema di incomunicabilità emozionale tra loro e il sottoscritto, che probabilmente si risolverà nel giro di qualche ascolto.

A Safe Place
[ Dead End Street Records - 2012 ]
Similar Artist: Notwist
Rating:
1. The Fear
2. To the Sun
3. Lights
4. Small Revolutions
5. The Green Bed
6. Nothing Ever Happened
7. Number 7
8. Summer Always Comes Too Late For Us
9. Disappearing Season
10. For Too Long




Ascolta “The Fear”

 

Articoli Correlati:

3 commenti »

Ultime recensioni

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…

Another Language

THIS WILL DESTROY YOU
Another Language

A pensarci bene, per il grande disco dei This Will Destroy You bisognerà ancora…