banner

HEIKE HAS THE GIGGLES
Crowd Surfing

17 febbraio 2012

TAGS: ,

Heike Has The Giggles

Sono freschi e stuzzicanti come il nome che portano, gli Heike Has The Giggles. Partita praticamente dal nulla, la band di Solarolo in provincia di Ravenna (Emanuela Drei voce e chitarra, Guido Casadio batteria, Matteo Grandi basso) si è conquistata a suon di concerti uno spazio piccolo ma importante nel panorama nazionale e non solo. Il loro saltellante, compatto punk pop (che a volte diventa pop punk) spruzzato di rabbia adolescenziale e interpretato con la giusta dose di ironia, veleggia amabilmente nel solco di chitarre nervose che divide le Vivian Girls dalle Dum Dum Girls e queste ultime dai Best Coast, con un pizzico di quell’impertinenza vocale che fa tanto Jack Off Jill a completare la ricetta. Una combinazione che li ha portati lontano.

“Crowd Surfing”, seguito del fortunato “Sh!”, riprende il discorso già iniziato dal predecessore. Tornano i temi teen dell’inadeguatezza (“I Wish I Was Cool”, “Time Waster”), della confusione (“I Don’t Know”), della diversità e della paura (“Dear Fear”, già in circolazione da qualche mese come singolo) ma affrontati in modo più maturo e consapevole: prendendo i problemi con leggerezza (ascoltare per credere la sarcastica “Blabla” e “We All”, un piccolo inno) sul serio ma non troppo, sapendo che ogni cosa ha una fine (anche l’adolescenza). Pezzi come “Breakfast” sembrano usciti da un disco delle Elastica con un basso alla Scarling, mentre le movimentate “M. Gondry” e “Repetitive Parts” ricordano il ritmo ipnotico di Kathleen Hanna versione Bratmobile. L’energia dei live e il contatto diretto col pubblico ha fatto bene al terzetto, e la vivace title track, un inno al puro divertimento, ne è la prova.

Un sound tutto bollicine effervescenti con chiare reminescenze nineties che non inventa nulla ma ben suonato e che diverte. Molti quindicenni di oggi, guardando indietro tra qualche anno, se lo ricorderanno con nostalgia. Una crescita importante che continua insomma, until “Next Time” ovviamente.

Crowd Surfing
[ Foolica - 2012 ]
Similar Artist: Arctic Monkeys, Wombats, Strokes

Rating:

1. I Wish I Was cool
2. Dear Fear
3. Breakfast
4. M. Gondry
5. Crowd Surfing
6. Next Time
7. Repetitive Parts
8. Time Waster
9. Blabla
10. We All
11. I Don’t Know

Ascolta “Crowd Surfing”

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…

Another Language

THIS WILL DESTROY YOU
Another Language

A pensarci bene, per il grande disco dei This Will Destroy You bisognerà ancora…

Best-Selling Dreams

NOVANTA
Best-Selling Dreams

Del progetto solista di Manfredi Lamartina vi avevam già parlato un paio di anni…