GRIMES
Visions

[ 4AD - 2012 ]
9
 
Genere: dark, elettronica, electro
Tags:
 
20 Febbraio 2012
 

Se è vero che poche cose vendono bene come un’attitudine eccentrica nel favoloso mondo discografico, specie se indipendente, e che le vie del pop sono infinite, si dia pure il benvenuto (il terzo, a dir la verità) a Claire Boucher, 23enne canadese, fresca icona della blogosfera hipster, pronta a dar filo da torcere a una generazione di starlette figlie del web. E proprio alla rete affida il suo successo l’artista di Montreal, riuscita per intercessione internettiana ad entrare nelle grazie della 4AD, con cui pubblica il nuovo “Visions”.

Già autrice di due album autoprodotti e condivisi in free download, nonché di un EP che ne ha rappresentato il vero trampolino di lancio per merito di due singoli, “Vanessa” e “Crystal Ball”, graziati da una scrittura affascinante e da video promozionali ipnotici, la medesima fa sapere di considerare la nuova uscita il proprio vero debutto discografico, più per il raggiungimento di inedite capacità compositive che per la svolta con la storica label indie. Il sound di “Visions”, oggettivamente, è qualcosa di molto diverso dalle sperimentazioni elettroniche di “Geidi Primes” e “Halfaxa”, esperimenti sonori casalinghi senza troppe pretese, seppur suggestivi nella loro immaturità. Col nuovo disco la canadese alza il tiro, confezionando un prodotto che riassume le divagazioni sintetiche degli esordi per andare a scrivere una formula electropop schizofrenica, dalle molteplici influenze ma sempre in un’ottica estremamente personale, come se i cliché della scena witch, i falsetti pop, l’uso spregiudicato di synth assassini e una certa inclinazione glitch in fondo non siano che parte integrante di un unico mondo sfaccettatissimo. Un album ancora imperfetto e che segnala in più punti le carenze compositive dell’artista, ma che se non altro va ad assicurarne l’autenticità creativa e che nel complesso non delude l’ascolto, creando piuttosto la curiosità su come possa ulteriormente evolversi un suono del genere.

“Visions” scorre fluidamente alternando alle consuete sperimentazioni, anche sul piano vocale – un timbro versatile che spazia dai toni dimessi e cantilenistici di “Be A Body (侘寂)” ad acuti perforanti o falsetti infantili – nuove contaminazioni pop, quasi a dimostrare le millantate passioni della giovane per le più note Beyoncé e, soprattutto, Mariah Carey, il cui spirito aleggia inquietantemente all’ascolto di “Vowels = space and time”. Rimembranze di certo pop di fine anni 90 sono rintracciabili anche in “Circumambient”, seppur deviate dal consueto trip sonoro, mentre nelle già note “Genesis” e “Oblivion” si fa evidente la commistione tra spessi synth, atmosfere eteree e un cantato lamentevole, sorta di tributo a forme di canto tradizionale spesso citate dall’artista. Proprio a questo miscuglio disomogeneo di suggestioni differenti corrisponde il post-internet in cui va a posizionarsi Claire per sua stessa ammissione, ovvero nella possibilità degli emergenti di oggi di spaziare considerevolmente nelle proprie composizioni per merito di una conoscenza approfondita delle più svariate culture sonore. Frutto sì della rivoluzione culturale internettiana, ma nulla senza un talento di base, su cui può indubbiamente far leva Grimes.

Credit Foto: Eli Russell Linnetz

Tracklist
1. Infinite ♡ Without Fulfillment (intro)
2. Genesis
3. Oblivion
4. Eight
5. Circumambient
6. Vowels = space and time
7. Visiting Statue
8. Be A Body (侘寂)
9. Colour of Moonlight (Antiochus) [ft. Doldrums]
10. Symphonia IX (my wait is u)
11. Nightmusic (feat. Majical Cloudz)
12. Skin
13. Know the way (outro)
 

2 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

questo lo voglio sentire, intanto mi son scaricato i due lavori precedenti (che sono free sul sito della Arbutus Records).
però, scusate la polemica, credo che qui su IFB dovremmo stare più attenti alla storia recente e alla coerenza: “Halfaxa” che tanti hanno recensito positivamente, fu stroncato da Brizz. sarebbe stato opportuno dunque affidare anche la recensione di questo nuovo lavoro alla stessa penna, così da sottolineare l’eventuale e positiva evoluzione o smontare ancora una volta, controcorrente rispetto alle altre webzine, quello che già in tanti acclamano come uno dei dischi dell’anno.

Tutto bello, ma vogliamo parlare della copertina?
Per mesi ho schifato questo disco solo per la copertina proto-metal anni ’80, un pelo fuorviante..

 

Danger Mouse & Black Thought ...

Sodalizio di lunga data quello tra Tariq Trotter / Black Thought e Brian Burton / Danger Mouse visto che risale al lontano 2005 / 2006 ma il ...

Sylvan Esso – No Rules Sandy

Dieci anni di carriera, anniversario importante per i Sylvan Esso che celebrano l’arrivo in doppia cifra con un nuovo album, “No Rules ...

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Recent Comments