banner

MEMORYHOUSE
The Slideshow Effect

22 febbraio 2012

TAGS:

Memoryhouse

La vita non è una serie di lampioni piantati in forma simmetrica, è un alone luminoso semitrasparente che avvolge la nostra coscienza dall’inizio alla fine. Così scrisse Virginia Woolf nella sua “Modern Fiction”, creando questa immagine mentale di una evanescenza che ritornerà nelle sue opere. La musica dei Memoryhouse è sempre stata per me una trasposizione in musica di tali aloni, brevi attimi in cui qualcosa accade, rendendo la  realtà più lirica e  intensa, anche se solo per pochi attimi.

Dall’EP “The Years”, che meglio sintetizza un folk pop impalpabile ed etereo, la band va oltre cercando di osare e sperimentare, per poi tornare sui suoi passi, quasi indispettita dal risultato. Sto parlando in questo caso di “The Slideshow Effect”, debutto della band in uscita per la Sub Pop. L’album è una evoluzione di questi aloni musicali: sperimentando con sonorità maggiormente elettriche nell’intro di “Little Expressionless Animals” sperimenta con un pop dalle influenze eighties, vagamente elettrico, dalla impostazione Smiths, con tanto di riverbero di sottofondo, in “The Kids Were Wrong”. Brani gustosi, ma poco in linea con il sound a cui si era stati abituati. E se chi, come me, attendeva l’uscita del disco per quelle sonorità, non apprezza facilmente un tale cambio di rotta.

L’album sembra reimmergersi in atmosfere cupe e intime in “All Our Wonder”, affievolendo il riverbero “made in the 80s” nei brani successivi, creando un intreccio di tastiera, synth, percussioni e chitarra acustica. Dal cupo alt folk (“Punctum”, “Old Haunts”) ai richiami country alla Norah Jones o Alessi’s Ark (“Bonfire”), l’album si evolve in un lirismo accentuato da l’alternarsi di voci e le atmosfere dreamy ricreate dall’elettronica (“Walk With Me”, “Kinds of Light”). Piccola gemma “Pale Blue”, che si innalza a livelli orchestrali giocando con temi lirici e una evoluzione strumentale semplice ma di impatto.

Che dire, un ottimo investimento per gli estimatori dei Memoryhouse, nonostante il più insicuro esperimento distorto che sembravano proporre inizialmente. Poi chi lo sa, magari un giorno anche loro si stancheranno come Dylan ed inizieranno ad imbracciare i chitarroni elettrici, riuscendoci pure bene. Ma questo, si sa, lo scopriremo solo vivendo.

The Slideshow Effect
[ Sub Pop - 2012 ]
Similar Artist: Dolores O’Riordan, Amycanbe, Alessi’s Ark
Rating:
1. Little Expressionless Animals
2. The Kids Were Wrong
3. All Our Wonder
4. Punctum
5. Heirloom
6. Bonfire
7. Pale Blue
8. Walk With Me
9. Kinds of Light
10. Old Haunts

Ascolta “The Kids Were Wrong”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…