THE STEPKIDS
S/T

 
Tags:
 
24 febbraio 2012
 
The Stepkids

Psichedelia per il 21esimo secolo: così gli Stepkids, nuova bomba dell’arsenale Stones Throw, definiscono il loro sound. Autocelebrazione sborona? Il dubbio, per l’omonimo esordio, ci starebbe tutto. Ma verrebbe subito fugato, al primo ascolto. La formula del gruppo (tre bianchi, un po’ nerd un po’ upper class, come label gradisce) è infatti nientemeno che una vorticosa miscela di soul lisergico, funk, cori popedelici, jazzedelie cinematiche e roba africaneggiante.

Per essere più chiari e fare dei nomi: dai Rotary Connection a Sly Stone, dagli Heliocentrics (quelli con Mulatu) a Mayer Hawthorne (in versione acida). Per rendersene conto, d’altra parte, basta poggiare la puntina del giradischi e lasciarla girare qualche secondo: l’intro è un mantra orientaleggiante, con tanto di sitar, che scorre serafica fino a gettarsi nel liquido blaxpoitation di “Brain Ninja”, mentre la successiva “Suburban Dream” spara bordate cosmiche di inarrivabile lisergia. Se “Shadow on Behalf” è il pezzo più ‘pop’ (si fa per dire), un incrocio tra la versione flippata di Mayer Hawthorne e i Black Merda, “Legend in My Own Mind” è un ballatona a suo modo hippy, come se l’avessero fatta gli Undisputed Truth dopo vari cannoni d’erba sulle spiagge della West Coast.

Con “Santos & Ken” a rinverdire i fasti dei Parliament, seguita dalla la sensuale “La La” (che fa molto Phenomenal Handclap Band) e una specie di suite tra Curtis Mayfield e Cinematic Orchestra dal titolo “Wonderfox”, si arriva alla chiusura 60’s di “Cup Half Full”, una pop song limpida e un po’ inquieta. Dischetto breve (mezz’ora), affascinante e intenso, questo The Stepkids. Se siete adoratori della black music, dovete farlo vostro. Se non lo siete, vi sarà sufficiente ascoltarlo almeno 4 o 5 volte: garantito che lo diventerete.

The Stepkids
[ Stones Throw – 2011 ]

Similar Artist: Rotary Connection, una versione psych di Curtis Mayfield, Sly Stone, Phenomenal Handclap Band, Heliocentrics versione funk, Mayer Hawthorne dopo varie cannoni d’erba, Mulatu Astatke al sole della California
Rating:

1. Intro
2. Brain Ninja
3. Suburban Dream
4. Shadows On Behalf
5. Legend In My Own Mind
6. Santos and Ken
7. La La
8. Wonderfox
9. Cup Half Full
10. Outro

Ascolta “Shadows On Behalf”

Tracklist
 
  • Helmut

    BELLO IL DISCO, MA CERTAMENTE PIU’ BELLO E BRAVO L’ESTENSORE DELLA RECENSIONE

 

Moon Duo – Occult Architecture ...

Secondo disco dell’anno per i Moon Duo che completano il discorso iniziato con “Occult Architecture…

Woods – Love Is Love

E’ nato all’alba dell’elezione Trump, ma è una risposta troppo pacata ad un evento del…

San Fermin – Belong

San Fermin capitolo terzo. La band creata dall’ex enfant prodige e compositore Ellis Ludwig-Leone ha…

Nathan Fake – Providence

La storia di Nathan Fake ha sempre parlato di musica di connotazioni eteree, mai banale…

Emptyset – Borders

Emptyset, il progetto di James Ginzburg e Paul Purgas, porta avanti da anni la via…