AA. VV.
Danza Meccanica Italian Synth Wave Vol. 2 1981-1987

 
 
di
5 marzo 2012
 

Secondo tempo antologico per la mostra delle rarità dedicata al post-punk italiano non trattato. Dieci nuove tracce dal corpo audio originale arricchiscono l’indagine dell’etichetta Mannequin sopra i più esclusivi rinvenimenti synth, wave, minimal e dark che hanno rappresentato la rielaborazione made in Italy dei suoni provenienti da label straniere come Factory, 4AD, Mute.

Un’ esposizione dove visitare l’espressionismo darkwave dei Der Blaue Reiter, o l’inedita versione di “A Gift Of Tears”, in cui morbido scende il colore della voce di Patrizia Tranchina (recentemente apparsa sul palco con Federico Fiumani per una esecuzione di “Siberia”) dei milanesi Jeunesse D’Ivoire. Si attraversa il lato electro dei Ruins e il synthpop dei Waveform, arrivando ai torinesi Suicide Dada.

Mentre la giovanissima musicista romana Mushy firma la copertina di questo disco, costruendo così un ideale ponte tra la tradizione post-punk e la ricerca di una sua nuova possibile espressione portata avanti da chi non si accontenta di copiare il passato e di morire in un crollo nervoso.

Danza Meccanica Vol.2
[ Mannequin – 2012]
Similar Artist: Neon, Limbo, Underground Life, Diaframma, Kirlian Camera, Crollo Nervoso
Rating:
1. Suicide Dada – Acque
2. Der Blaue Reiter – Through Glasses
3. Sons Of Science – Way Of Life
4. Waveform – Creep
5. Ruins – New Record
6. Jeunesse D’Ivoire – A Gift Of Tears (Silent Version)
7. LASS Crime – I’ll Merry Go Round
8. Musumeci – Harry Batasuna
9. Deca – First Frequency
10. European Stage – Subterranean Wait

Ascolta 5 tracce da “Danza Meccanica Italian Synth Wave Vol. 2 1981-1987 “

Tracklist
 
 

Villagers – Darling ...

Una giornata qualsiasi e senza pretese può caricarsi di emozioni e sensazioni. E questa l’impressione…

Jesse Malin – New York Before ...

Ho incrociato Jesse Malin ai tempi di “The Fine Art Of Self Destruction” nel 2003,…

Lonelady – Hinterland

C’è una donna che cammina, da sola, per le vie di Manchester. Cercando quei luoghi…

Polar Bear – Same As You

Eleganti e raffinati come pochi nel panorama del jazz contemporaneo che si affranca da marchingegni…

Carl Barât And The Jackals – ...

Inutile girarci attorno: se Carl Barât non avesse mai incontrato Pete Doherty, sarei qui a…