AA. VV.
Danza Meccanica Italian Synth Wave Vol. 2 1981-1987

 
 
di
5 marzo 2012
 

Secondo tempo antologico per la mostra delle rarità dedicata al post-punk italiano non trattato. Dieci nuove tracce dal corpo audio originale arricchiscono l’indagine dell’etichetta Mannequin sopra i più esclusivi rinvenimenti synth, wave, minimal e dark che hanno rappresentato la rielaborazione made in Italy dei suoni provenienti da label straniere come Factory, 4AD, Mute.

Un’ esposizione dove visitare l’espressionismo darkwave dei Der Blaue Reiter, o l’inedita versione di “A Gift Of Tears”, in cui morbido scende il colore della voce di Patrizia Tranchina (recentemente apparsa sul palco con Federico Fiumani per una esecuzione di “Siberia”) dei milanesi Jeunesse D’Ivoire. Si attraversa il lato electro dei Ruins e il synthpop dei Waveform, arrivando ai torinesi Suicide Dada.

Mentre la giovanissima musicista romana Mushy firma la copertina di questo disco, costruendo così un ideale ponte tra la tradizione post-punk e la ricerca di una sua nuova possibile espressione portata avanti da chi non si accontenta di copiare il passato e di morire in un crollo nervoso.

Danza Meccanica Vol.2
[ Mannequin – 2012]
Similar Artist: Neon, Limbo, Underground Life, Diaframma, Kirlian Camera, Crollo Nervoso
Rating:
1. Suicide Dada – Acque
2. Der Blaue Reiter – Through Glasses
3. Sons Of Science – Way Of Life
4. Waveform – Creep
5. Ruins – New Record
6. Jeunesse D’Ivoire – A Gift Of Tears (Silent Version)
7. LASS Crime – I’ll Merry Go Round
8. Musumeci – Harry Batasuna
9. Deca – First Frequency
10. European Stage – Subterranean Wait

Ascolta 5 tracce da “Danza Meccanica Italian Synth Wave Vol. 2 1981-1987 “

Tracklist
 
 

Weaves – Weaves

Indicati dai più come una delle bands to watch e con un viatico di lusinghiere…

Band Of Horses – Why Are You ...

A dieci anni esatti da quel piccolo capolavoro che fu “Everything All The Time”, i…

The Temper Trap – Thick As ...

C’era una volta il rock da stadio. Quello il cui regno parla la lingua dei…

Richard Ashcroft – These ...

Occhiali scuri come il volto, chitarra e una strana maschera antigas sul collo. Cosi si…

ANOHNI – Hopelessness

Sono album come questi che rendono veramente arduo il compito di un recensore. Quando la…