banner

ANDREW BIRD
Break It Yourself

5 marzo 2012

TAGS:

La poetica dell’ultimo Andrew Bird è felicemente riassunta in “Danse Carribe”, piccola cavalcata di pop esotico multifaccia. Parte con un pizzico di malinconia naif dall’aspetto elegante, si apre poi in una piccola festa dai sapori caraibici che sfuma in un’esplosione di violini irlandesi finendo dolcemente come era iniziata. La cifra stilistica non si discosta molto da ognuna di queste espressioni, restando densa di qualità per tutta la durata del disco. E’ un cantautore a suo modo atipico, capace di coniugare songwriting di grandissima qualità alla perizia strumentale col violino, peculiarità che non svolge il ruolo di scomoda ed invadente sovrastruttura, ma contribuisce alla riconoscibilità che il Nostro sfoggia ad ogni disco.

Si cammina lungo il sottile filo che divide un certo tipo di snobismo musicale con intenti di “alti” da quella che definiremmo gentilezza pop fuori dal tempo. Il tutto si cristallizza in un’epoca lontana, tra echi di folk e canzone francese che, nonostante il cantato sia tutto in inglese, si esprime nello stile da “perfetta primavera parigina”. Sensazioni al miele e carezze notturne, giornate tiepide piene di sole e nuvole che fuggono via timide, sensazioni ovattate, senza spigoli o asperità. La sua musica più che un compromesso sembra un ricatto, dove non hai scelta: o sali a bordo e ti immergi in queste atmosfere atemporali, oppure resti a distanza, perplesso e annoiato. Noi scegliamo la prima strada, non per imposizione, ma per istinto ed empatia.

Andrew Bird sposta, seppur di poco, l’asticella della propria espressività pop, correndo il rischio di sembrare troppo snob e di peccare in concretezza. Allo stesso tempo affina la propria arte e il gusto per la melodia agrodolce, capace di alleggerire il peso del cuore di chi lo ascolta senza creare profondi baratri esistenziali. E’ il disco ideale per la stagione che cambia, per i sorrisi finalmente accennati e per il freddo inverno che ci accingiamo a mettere alle spalle.

Break it Yourself
[ Bella Union - 2012]
Similar Artist: M. Ward, Sufjan Stevens, Beirut
Rating:
1. Desperation Breeds…
2. Polynation
3. Danse Caribe
4. Give it Away
5. Eyeoneye
6. Lazy Projector
7. Near Death Experience Experience
8. Behind the Barn
9. Lusitania
10. Orpheo Looks Back
11. Sifters
12. Fatal Shore
13. Hole in the Ocean Floor
14. Belles

Ascolta “Eyeoneye”

 

Articoli Correlati:

4 commenti »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…