MARK LANEGAN
Blues Funeral

[ 4AD - 2012 ]
 
Tags:
 
5 Marzo 2012
 

Da alcuni giorni ho deciso di smetterla con “Blues Funeral”. Non devo salvarlo per forza. E’ un album freddo con una carica emotiva di un automa. Va bene, Lanegan si sottrae ancora una volta a qualsivoglia stereotipo, ma a me il Lanegan di ieri, quel blues o quel folk intriso di atmosfera acustica, mi piaceva troppo. E’ vero, non sono nessuno per dire ciò che è blues o ciò che è folk intimo e sofferto: so solo che “Bleeding muddy water” e “Deep black vanishing train”, gli unici pezzi vagamente oscillanti verso dischi come “Scraps at midnight” e “Field songs” sono troppo espansivi per convincermi della loro franchezza.

E poi, un pezzo come “Ode to sad disco” mi fa rimpiangere persino quelle terribili camice a quadri di flanella.
Se proprio devo, non butto giù dalla torre, in bilico, “The gravedigger’s song”e “Gray goes black” ma solo perché il mio orecchio me lo impone. Detto ciò, sia chiaro: Lanegan c’è. La sua inconfondibile amalgama vocale robusta e cavernicola, che riusciva a stupire con timbri dolci e acuti (questa volta più del solito), è sempre presente. Diversa è la cornice: una composizione sonora campionata e sintetica, che spiazza e confonde.

Lanegan: un futuro da cantautore popolare e facilmente spendibile, capace di sfornare con scioltezza pezzi come “Ode to sad disco”? Non a me l’ardua sentenza. “Praying for something so easy/ If only the moon/ Would have left me alone”, faccio un salto indietro di qualche anno e mi abbandono all’idea di toccare il fondo con emozioni uterine e dimesse, leggere e profonde, gentilmente offerte da quel giovane Lanegan.

Tracklist
1. The Gravedigger’s Song
2. Bleeding Muddy Water
3. Gray Goes Black
4. St. Louis Elegy
5. Riot In My house
6. Ode To Sad Disco
7. Phantasmagoria Blues
8. Quiver Syndrome
9. Harborview Hospital
10. Leviathan
11. Deep Black Vanishing Train
12. Tiny grain Of Truth
 
 

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente Shepherd In A Sheepskin Vest che aveva sancito il grande ritorno del ...

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...