banner

Dubby Dub – Sorry, No dub!

18 marzo 2012

TAGS: ,

Dubby Dub

Quando li intervistai prima di un concerto circa otto mesi fa, non potei esimermi dal chiedere se con un nome così non avrebbero rischiato di illudere chi li sentiva la prima volta e naturalmente si attendeva una sorta di Massive Attack ferraresi.

Evidentemente non era la prima volta che ponevano loro questa domanda o hanno voluto darmi soddisfazione, fatto sta che i Dubby Dub hanno deciso di rendere chiaro fin dal titolo del loro nuovo lavoro che il dub per loro non è proprio di casa.

Tre chitarre ed una batteria sono sufficienti a far capire fin dalla prima traccia che il rock sarà il filo conduttore dell’intero cd, che a differenza del precedente dimostra maggiore coesione e maturità e beneficia  della registrazione in presa diretta(a parte le voci) per rendere anche su supporto la scarica di energia ed adrenalina che la compagine romagnola sa offrire sul palco.

La voce sofferta di Andrea Pulga guida attraverso un lavoro che  affonda sicuramente le radici negli anni novanta, ma che sa mischiare con abilità generi ed etichette, in modo da non cadere mai nella banalità o nel cliché.
Dai The International Noise  Conspiracy fino ai Queens of The Stone Age, passando attraverso i Dinosaur Jr.
Una cavalcata di undici brani di rock sanguigno e viscerale, che sia diretto come la traccia d’apertura ‘Love Kills’, che abbia echi  garage e riff alla Melvins ( ‘Space Control’) o che strizzi l’occhio a The Hives come in ‘Flipper’ la parola noia non è certamente contemplata.

Se cercate il dub avete sbagliato recensione, ma date comunque una chance ai Dubby Dub…sapranno stupirvi.

Cover Album

Sorry, No Dub!
[ Ammonia - 2012 ]
Similar Artist: The Hives, Dinosaur Jr, QOTSA, The International Noise Conspiracy
Rating: 3,5
1. Love kills
2. Pleasure
3. Settle down
4. Space control
5. My heaven is far
6. Possibility
7. Flipper
8. Lock the house
9. Whatever
10. Oh liar!
11. Envelope

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Ruins

GROUPER
Ruins

I’m happy for any emotion to present itself in a song, and to give…

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…