banner

Dubby Dub – Sorry, No dub!

18 marzo 2012

TAGS: ,

Dubby Dub

Quando li intervistai prima di un concerto circa otto mesi fa, non potei esimermi dal chiedere se con un nome così non avrebbero rischiato di illudere chi li sentiva la prima volta e naturalmente si attendeva una sorta di Massive Attack ferraresi.

Evidentemente non era la prima volta che ponevano loro questa domanda o hanno voluto darmi soddisfazione, fatto sta che i Dubby Dub hanno deciso di rendere chiaro fin dal titolo del loro nuovo lavoro che il dub per loro non è proprio di casa.

Tre chitarre ed una batteria sono sufficienti a far capire fin dalla prima traccia che il rock sarà il filo conduttore dell’intero cd, che a differenza del precedente dimostra maggiore coesione e maturità e beneficia  della registrazione in presa diretta(a parte le voci) per rendere anche su supporto la scarica di energia ed adrenalina che la compagine romagnola sa offrire sul palco.

La voce sofferta di Andrea Pulga guida attraverso un lavoro che  affonda sicuramente le radici negli anni novanta, ma che sa mischiare con abilità generi ed etichette, in modo da non cadere mai nella banalità o nel cliché.
Dai The International Noise  Conspiracy fino ai Queens of The Stone Age, passando attraverso i Dinosaur Jr.
Una cavalcata di undici brani di rock sanguigno e viscerale, che sia diretto come la traccia d’apertura ‘Love Kills’, che abbia echi  garage e riff alla Melvins ( ‘Space Control’) o che strizzi l’occhio a The Hives come in ‘Flipper’ la parola noia non è certamente contemplata.

Se cercate il dub avete sbagliato recensione, ma date comunque una chance ai Dubby Dub…sapranno stupirvi.

Cover Album

Sorry, No Dub!
[ Ammonia - 2012 ]
Similar Artist: The Hives, Dinosaur Jr, QOTSA, The International Noise Conspiracy
Rating: 3,5
1. Love kills
2. Pleasure
3. Settle down
4. Space control
5. My heaven is far
6. Possibility
7. Flipper
8. Lock the house
9. Whatever
10. Oh liar!
11. Envelope

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…