banner

Dubby Dub – Sorry, No dub!

18 marzo 2012

TAGS: ,

Dubby Dub

Quando li intervistai prima di un concerto circa otto mesi fa, non potei esimermi dal chiedere se con un nome così non avrebbero rischiato di illudere chi li sentiva la prima volta e naturalmente si attendeva una sorta di Massive Attack ferraresi.

Evidentemente non era la prima volta che ponevano loro questa domanda o hanno voluto darmi soddisfazione, fatto sta che i Dubby Dub hanno deciso di rendere chiaro fin dal titolo del loro nuovo lavoro che il dub per loro non è proprio di casa.

Tre chitarre ed una batteria sono sufficienti a far capire fin dalla prima traccia che il rock sarà il filo conduttore dell’intero cd, che a differenza del precedente dimostra maggiore coesione e maturità e beneficia  della registrazione in presa diretta(a parte le voci) per rendere anche su supporto la scarica di energia ed adrenalina che la compagine romagnola sa offrire sul palco.

La voce sofferta di Andrea Pulga guida attraverso un lavoro che  affonda sicuramente le radici negli anni novanta, ma che sa mischiare con abilità generi ed etichette, in modo da non cadere mai nella banalità o nel cliché.
Dai The International Noise  Conspiracy fino ai Queens of The Stone Age, passando attraverso i Dinosaur Jr.
Una cavalcata di undici brani di rock sanguigno e viscerale, che sia diretto come la traccia d’apertura ‘Love Kills’, che abbia echi  garage e riff alla Melvins ( ‘Space Control’) o che strizzi l’occhio a The Hives come in ‘Flipper’ la parola noia non è certamente contemplata.

Se cercate il dub avete sbagliato recensione, ma date comunque una chance ai Dubby Dub…sapranno stupirvi.

Cover Album

Sorry, No Dub!
[ Ammonia - 2012 ]
Similar Artist: The Hives, Dinosaur Jr, QOTSA, The International Noise Conspiracy
Rating: 3,5
1. Love kills
2. Pleasure
3. Settle down
4. Space control
5. My heaven is far
6. Possibility
7. Flipper
8. Lock the house
9. Whatever
10. Oh liar!
11. Envelope

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…