banner

PILLS ‘N’ THRILLS & BELLYACHES: Marzo 2012

20 marzo 2012

TAGS: , ,

Cover Album

FRANCESCO CAMMARATA & THE SECOND GRACE
Rooms

[ Via Audio - 2011 ]

Genere: folk
Similar Artists: Calexico, Dave Matthews Band, Bright Eyes
Rating:

Bravo, bravissimo Fabrizio Cammarata, a partire dall’ottimo cantato in inglese per finire alla qualità della scrittura. “Rooms” è un disco profondamente lontano dalla nostra tradizione musicale, legato a doppio filo agli Stati Uniti del folk e dei cantautori contemporanei. Un pizzico di esotismo à la Calexico, un sana dose di attitudine pop, sempre ben avvolta in trame folk acustiche e il gioco è fatto. Un bel gioco, da gustare magari la sera al calare del sole o davanti al camino acceso d’inverno.

Cover Album

ANCHER
Verdelegno

[ Manzanilla - 2011 ]

Genere: folk, post rock
Similar Artists: Great Lake Swimmers, Midlake
Rating:

Una confezione a cinque stelle, in legno con il titolo inciso, come a dare un tocco di artigianato e unicità ad ogni copia del disco. La musica molto raffinata, legata al tema della natura si dischiude in un folk-post-rock prevalentemente acustico. Richiami nordici e rilassati per un approccio ricercato e “alto” che, con tono quasi aristocratico ,perde per strada un po’ di calore. Autoreferenziale a tratti, il lavoro degli Ancher è impeccabile nella forma e nella cura; dove in parte perde colpi è nella pura e semplice comunicazione delle emozioni.

Cover Album

MOUNTAIN MAN
Made The Harbour

[ Bella Union - 2011 ]

Genere: folk
Similar Artists: Joanna Newsom, Vashti Bunyan, Beach House
Rating:

A dispetto del nome, Mountain Man è una band femminile fino al midollo. “Made The Harbour” è un disco di puro folk, candido nelle linee vocali e molto improntato su un’estetica a bassa fedeltà. Dà l’impressione di essere quasi un disco “cotto e mangiato”, frutto di session estemporanee registrate senza particolari orpelli. Carino quanto basta per evitare, a chi come il sottoscritto non ama vocalismi da cantilena fanciullesca, ogni sorta di fastidio.

Ascolta Animal Tracks


Cover Album

ROLO TOMASSI
Eternal Youth

[ Destination Moon - 2011 ]

Genere: mathcore
Similar Artists: Don Caballero, Shellac
Rating:

Un mattone di 36 canzoni tra mathcore, free-rock e noise. Difficile da digerire per l’uomo comune e anche per il sottoscritto. Raccolta doppia per il quintetto di Sheffield, dopo soli due album di studio. Materiale d’archivio di buona qualità a dispetto della “pesantezza” di fondo della musica proposta. Rumore, progressioni che lambiscono il free jazz, sperimentazioni, furia hardcore in un solo, interessante pastiche.

Cover Album

QLUSTER
Rufen

[ Bureau B - 2011 ]

Genere: elettronica, kraut
Similar Artists: Kollektiv Turmstrasse, Brian Eno
Rating:

  • BUY HERE
  • Progetto audio visuale quello a nome Qluster. “Rufen” è il secondo capitolo di una trilogia live di esibizioni a Lunz e Shonberg, tra sperimentazioni ambient, riferimenti kraut ed elettronica liquida. Non per tutti e non per tutti i giorni e tutte le ore. Quattro performance tra gli otto e i quindici minuti di durata l’una, per un lavoro che si presume più affascinante se accompagnato dalla controparte visiva.

    Cover Album

    THE SINGERS
    The Room Went Black

    [ autoprodotto - 2011 ]

    Genere: shoegaze, alt-pop
    Similar Artists: Franz ferdinand, Arctic Monkeys, The Strokes
    Rating:

    Sono italiani e con carenze di fantasia. The Singers è il nome più banale che potessero trovarsi e mi sorprendo di non averlo già trovato in passato. Il disco è la solita, seppur ben realizzata, miscela di rock, pop e garage veloce e ballabile. Roba di cui ci hanno riempito le orecchie qualche anno fa e che oggi non lascia più il segno. Nonostante sia l’epoca della “retromania”, non tutte le scelte sono giustificabili e da accettare senza riserve. Avanti un altro.

     

    Articoli Correlati:

    Nessun commento »

    Ultime recensioni

    Close To The Glass

    THE NOTWIST
    Close To The Glass

    La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

    The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

    EELS
    The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

    Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

    Love Letters

    METRONOMY
    Love Letters

    Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

    S/T

    THEE ELEPHANT
    S/T

    Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

    In Roses

    GEM CLUB
    In Roses

    “In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
    Si…

    Dirty Gold

    ANGEL HAZE
    Dirty Gold

    Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

    The Secret Of The Sea

    BRUNO BAVOTA
    The Secret Of The Sea

    Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

    Burn Your Fire For No Witness

    ANGEL OLSEN
    Burn Your Fire For No Witness

    Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…