FANFARLO
Rooms Filled With Light

 
Tags:
 
21 marzo 2012
 
Fanfarlo

Difficile approcciarsi a nuovo album dei Fanfarlo.
Perché l’esordio fu raffinato, perché la loro creatività era ben dosata, ma soprattutto perché le aspettative di conferma sono elevate. Che del resto un secondo album vale come prova del nove per il talento. Dunque come controbattere a questo “Rooms Filled With Light”, per di più considerando il silenzio “ musicale “ di tre anni ? La risposta è da ricercare nel processo di maturazione della band londinese; è questione di tecnica, composizione e ispirazione.

La musica dei Fanfarlo vive d’intelligenza e intuizioni, è completa, mai annoia e lo stesso spunto qualitativo di “ Reservoir “ viene ora definitivamente modellato, esteso ed elaborato. L’arrangiamento musicale viene infatti equilibrato e centellinato, gli orpelli essenziali (cori, piano, violini, clarinetto, trombe, mandolini ) maneggiati e sparsi con maestria. Un passo in avanti che convince e stupisce. Il risultato è una composizione di brani armonizzati ma ben distinti tra loro.
L’inizio è scandito dalla gradevole “Replicate”, brano capace di amalgamare il soffice accompagnamento di violin i in un crescendo costante e disciplinato. “Deconstruction”, il primo singolo del disco, affida la propria ossatura a un basso portante (è l’episodio più accostanbile all’easy-listening) mentre l’intro timida e riservata di “Lens Life” e “Shiny Things” esplode in entrambi i casi in un fiume di cori, trombe e vivacità.

La voce di Simon Balthazar prosegue tra infatuazioni est europee (“Tanguska”), episodi di eccellenza strumentale (“ Everything Turns”), atmosfere compatte e sostenute alla Arcade Fire, esperimenti minimal /ambient (“Bones”) e tenerissime ballad. Un elogio particolare va a “Dig” per la coesione di synth anni ‘80 e violini. Consacrazione definitiva per i Fanfarlo, artigiani musicali colmi di classe e delizia.

Rooms Filled With Light
[ Canvasback – 2012 ]
Similar Artist: Beirut, Arcade Fire
Rating:
1. Replicate
2. Deconstruction
3. Lens Life
4. Shiny Things
5. Tanguska
6. Everything Turns
7. Tightrope
8. Feathers
9. Bones
10. Dig
11. A Flood

Tracklist
 
 

Villagers – Darling ...

Una giornata qualsiasi e senza pretese può caricarsi di emozioni e sensazioni. E questa l’impressione…

Jesse Malin – New York Before ...

Ho incrociato Jesse Malin ai tempi di “The Fine Art Of Self Destruction” nel 2003,…

Lonelady – Hinterland

C’è una donna che cammina, da sola, per le vie di Manchester. Cercando quei luoghi…

Polar Bear – Same As You

Eleganti e raffinati come pochi nel panorama del jazz contemporaneo che si affranca da marchingegni…

Carl Barât And The Jackals – ...

Inutile girarci attorno: se Carl Barât non avesse mai incontrato Pete Doherty, sarei qui a…