FANFARLO
Rooms Filled With Light

 
Tags:
 
21 marzo 2012
 
Fanfarlo

Difficile approcciarsi a nuovo album dei Fanfarlo.
Perché l’esordio fu raffinato, perché la loro creatività era ben dosata, ma soprattutto perché le aspettative di conferma sono elevate. Che del resto un secondo album vale come prova del nove per il talento. Dunque come controbattere a questo “Rooms Filled With Light”, per di più considerando il silenzio “ musicale “ di tre anni ? La risposta è da ricercare nel processo di maturazione della band londinese; è questione di tecnica, composizione e ispirazione.

La musica dei Fanfarlo vive d’intelligenza e intuizioni, è completa, mai annoia e lo stesso spunto qualitativo di “ Reservoir “ viene ora definitivamente modellato, esteso ed elaborato. L’arrangiamento musicale viene infatti equilibrato e centellinato, gli orpelli essenziali (cori, piano, violini, clarinetto, trombe, mandolini ) maneggiati e sparsi con maestria. Un passo in avanti che convince e stupisce. Il risultato è una composizione di brani armonizzati ma ben distinti tra loro.
L’inizio è scandito dalla gradevole “Replicate”, brano capace di amalgamare il soffice accompagnamento di violin i in un crescendo costante e disciplinato. “Deconstruction”, il primo singolo del disco, affida la propria ossatura a un basso portante (è l’episodio più accostanbile all’easy-listening) mentre l’intro timida e riservata di “Lens Life” e “Shiny Things” esplode in entrambi i casi in un fiume di cori, trombe e vivacità.

La voce di Simon Balthazar prosegue tra infatuazioni est europee (“Tanguska”), episodi di eccellenza strumentale (“ Everything Turns”), atmosfere compatte e sostenute alla Arcade Fire, esperimenti minimal /ambient (“Bones”) e tenerissime ballad. Un elogio particolare va a “Dig” per la coesione di synth anni ‘80 e violini. Consacrazione definitiva per i Fanfarlo, artigiani musicali colmi di classe e delizia.

Rooms Filled With Light
[ Canvasback – 2012 ]
Similar Artist: Beirut, Arcade Fire
Rating:
1. Replicate
2. Deconstruction
3. Lens Life
4. Shiny Things
5. Tanguska
6. Everything Turns
7. Tightrope
8. Feathers
9. Bones
10. Dig
11. A Flood

Tracklist
 
  • f.ede

    Lo sto ascoltando per la prima volta ora, mentre scrivo il mio commento.
    Mi sembra che la band non abbia un suo stile preciso, ma che al contrario prenda spunto da tanti altri gruppi recenti indie e non.
    Derivativo dunque, ma non per questo poco coinvolgente. Anzi, alla fine concordo quasi in toto con il recensore. Forse solo mezza stellina in meno.

  • dan

    boh. ci riprovo sempre con questi perchè amo gli Arcade Fire, ma non ci sento nulla d’autentico. non so, non mi prendono. eppure son bravini.

 

Clap Your Hands Say Yeah – ...

Dodici anni di carriera sono tanti per qualunque band. Parlando di Alec Ounsworth e dei…

Dutch Uncles – Big Balloon

Paladini dell’art-pop, i mancuniani Dutch Uncles tornano a due anni da “O’ Shudder” e lo…

Jens Lekman – Life Will See ...

Questo album parla di quelle persone che sono sedute in una sala d’aspetto, in attesa…

Strand Of Oaks – Hard Love

Avevamo lasciato Tim Showalter (ideatore del progetto Strand Of Oaks) alle prese con le confessioni…

Lawrence English – Cruel ...

Tra disci prodotti, progetti di sound designer, installazioni artistiche, e varie collaborazioni collaterali con altri…