BOXEUR THE COEUR
November Uniform

 
Tags:
 
di Gianluca Ciucci
30 marzo 2012
 
Boxeur The Coeur

Paolo Iocca ce la vuole fare, vuole proporre la propria musica, vive per lei anche se difficilmente riesce a vivere di lei. Le band, i viaggi, le collaborazioni, tutto è in funzione della (giusta) promozione di sé. Franklin Delano (autori di un ottimo disco come “Like a Smoking Gun in Front of Me”) e Blake/e/e/e, questi i progetti del passato, mai baciati da vero successo, seppure molto apprezzati dagli addetti ai lavori (che termine stupido, soprattutto oggi), e accantonati. Oggi le novità sono l’ingresso nella formazione degli …A Toys Orchestra e il moniker Boxeur The Coeur, mentre il suo alter ego femminile Marcella Riccardi si cimenta nel progetto Be My Delay.

“November Uniform” è l’esordio discografico uscito per Trovarobato, che sottolinea ancora una volta la grande passione e la stretta connessione del nostro con il Nord America, il classic rock di Neil Young, l’indie  degli anni Zero (Animal Collective e Arcade Fire su tutti) ma anche qualche incursione nel craut e nella psichedelia (quanto sono di moda in questi anni Captain Beefheart e Syd Barrett!). Per quanto riguarda la band di Win Butler l’accostamento è d’obbligo quanto imbarazzante dato che il brano “Our Glowing Days”, ad un primo ascolto distratto, mi era parso una cover tanta è la somiglianza con le dinamiche dell’ensemble canadese. Lo stesso per la verità era avvenuto con gli Animal Collective e brani quali “Stormily Reassuring” e “Immortal Bliss”, così vicini ad un mood e a sonorità già sentiti altrove da rischiare di essere sovrapposti. Per la verità nell’intera carriera di Paolo Iocca mi è capitato di sentire una tendenza a seguire determinate dinamiche (ad onor del vero con buoni risultati) più che a proporne di proprie e chi mi legge sa che la mancanza di originalità  mi fa lo stesso effetto del fumo negli occhi.

“November Uniform” è frutto di un egregio lavoro di stesura e realizzazione, col contributo importante del polistrumentista Shannon Fields ma che non brilla della luce sfolgorante dell’ispirazione; per questo si tratta a mio avviso di un disco capace di regalare un momento davvero ottimo con “A minimal anthem” ed altri piacevoli ma pure prescindibili. La sigla scelta, così, diviene etichetta perfetta perché l’ascolto fa pensare a quei pugili di grande coraggio ma scarso talento, che non vanno mai a terra ma nemmeno mandano KO gli avversari e vincono o perdono sempre ai punti. Qui la vittoria ai punti ci può stare.

November Uniform
Trovarobato – 2012 ]
Similar Artist: Animal Collective, Banjo Or Freakout, Jennifer Gentle, Beatrice Antolini
Rating:
1. Forewards
2. Our Glowing Days
3. Essay On Holography
4. The Secret Abilities
5. Low Tide Lost At Sea
6. Stormily Reassuring
7. Dusk Jockey
8. Immortal Bliss
9. A Minimal Anthem
10. An Angel Was Seen On The Crime Scene
Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

The Fire – Bittersweet EP

Dal 2005 i The Fire hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo…

Feet Down Below – S/T

I piacentini Feet Down Below, non sono quelle band che si tuffano a capofitto in…

Wet Floor – Profezia In 12 ...

Idolatria “fuck off”, questo gira come valore supremo nel nuovo disco dei monzesi Wet Floor,…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…