banner

DANIEL ROSSEN
Silent Hour/Golden Mile EP

30 marzo 2012

TAGS: ,

Daniel Rossen

La solitudine è un esercizio che si può praticare con vergogna e rancore.
Ma c’è anche un modo più conciliante di stare da soli, estremamente arioso, dove puoi sottrarre spazio a chi ti circonda e accumularlo per te senza recidere alcuna arteria vitale.
Temporaneamente ma non idealmente distante dai Grizzly Bear – che si apprestano a tornare con un disco entro la fine dell’anno– Daniel Rossen ha inciso un EP intimo e circolare che deve molto a Dio e alla West Coast abbandonata tanti anni fa.

Rossen è uno dei pochi autori classici contemporanei: “Silent Hour/Golden Mile” recupera tanti stratagemmi anni settanta (cori e chitarre da canyon rossastro, arrangiamenti fluttuanti, gocce d’acqua osservate controluce) senza alcuno sforzo apparente, ed è per questo che non suona artificioso e imposto.
La felicità di Christopher McCandless era vera solo se condivisa, quella di Rossen sembra vera solo se tenuta per se.
Ben venga, allora, un disco che affronta l’esilio come se fosse un’esperienza gioiosa dove il tormento (‘Saint Nothing’) non è mai soffocante ma solo problematico, abbastanza duttile da essere esorcizzato.

Nei prossimi mesi nelle sale circolerà l’adattamento cinematografico di “On the Road” di Jack Kerouac. Sarebbe interessante se la colonna sonora, di cui al momento è stata rivelata solo una traccia inaspettatamente bella di un altrimenti insipido Will Hanson (“Home”), recuperasse qualcosa da “‘Silent Hour/Golden Mile”.
Che sia la piccola psichedelia di “Return to Form”, la gentilezza quasi beatlesiana di certe canzoni o il pianoforte che gli appassionati dei Grizzly Bear riconoscerebbero ovunque, che sia qualsiasi cosa. Perché in quel libro ci sono pagine molto belle e molto giuste su cosa sia la solitudine: una forma di grazia, più che un martirio.
L’EP di Daniel Rossen ci dice esattamente le stesse cose.
Stare soli è una forma d’arte.
E alla fine c’è davvero un po’ di beatitudine, in tutto questo casino.

Silent Hour/Golden Mile EP
Warp - 2012 ]
Similar Artist: Ringo Starr, Grizzly Bear
Rating:
1. Up on High
2. Silent Song
3. Return to Form
4. Saint Nothing
5. Golden Mile

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Ruins

GROUPER
Ruins

I’m happy for any emotion to present itself in a song, and to give…

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…