banner

DANIEL ROSSEN
Silent Hour/Golden Mile EP

30 marzo 2012

TAGS: ,

Daniel Rossen

La solitudine è un esercizio che si può praticare con vergogna e rancore.
Ma c’è anche un modo più conciliante di stare da soli, estremamente arioso, dove puoi sottrarre spazio a chi ti circonda e accumularlo per te senza recidere alcuna arteria vitale.
Temporaneamente ma non idealmente distante dai Grizzly Bear – che si apprestano a tornare con un disco entro la fine dell’anno– Daniel Rossen ha inciso un EP intimo e circolare che deve molto a Dio e alla West Coast abbandonata tanti anni fa.

Rossen è uno dei pochi autori classici contemporanei: “Silent Hour/Golden Mile” recupera tanti stratagemmi anni settanta (cori e chitarre da canyon rossastro, arrangiamenti fluttuanti, gocce d’acqua osservate controluce) senza alcuno sforzo apparente, ed è per questo che non suona artificioso e imposto.
La felicità di Christopher McCandless era vera solo se condivisa, quella di Rossen sembra vera solo se tenuta per se.
Ben venga, allora, un disco che affronta l’esilio come se fosse un’esperienza gioiosa dove il tormento (‘Saint Nothing’) non è mai soffocante ma solo problematico, abbastanza duttile da essere esorcizzato.

Nei prossimi mesi nelle sale circolerà l’adattamento cinematografico di “On the Road” di Jack Kerouac. Sarebbe interessante se la colonna sonora, di cui al momento è stata rivelata solo una traccia inaspettatamente bella di un altrimenti insipido Will Hanson (“Home”), recuperasse qualcosa da “‘Silent Hour/Golden Mile”.
Che sia la piccola psichedelia di “Return to Form”, la gentilezza quasi beatlesiana di certe canzoni o il pianoforte che gli appassionati dei Grizzly Bear riconoscerebbero ovunque, che sia qualsiasi cosa. Perché in quel libro ci sono pagine molto belle e molto giuste su cosa sia la solitudine: una forma di grazia, più che un martirio.
L’EP di Daniel Rossen ci dice esattamente le stesse cose.
Stare soli è una forma d’arte.
E alla fine c’è davvero un po’ di beatitudine, in tutto questo casino.

Silent Hour/Golden Mile EP
Warp - 2012 ]
Similar Artist: Ringo Starr, Grizzly Bear
Rating:
1. Up on High
2. Silent Song
3. Return to Form
4. Saint Nothing
5. Golden Mile

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…