A PLACE TO BURY STRANGERS
Onwards To The Wall EP

 
 
4 Aprile 2012
 
A Place To Bury Strangers

Hanno preso a schiaffi shoegazers e post-punkettari imberbi sin dal loro esageratissimo omonimo esordio stracolmo di squassanti dissonanze. Ora gli A Place To Bury Strangers (che hanno cambiato il bassista: ora c’è Dion Lunadon al posto di Jonathan Smith) tornano con un Ep (l’ennesimo della loro carriera), ideale antipasto per un nuovo (si spera) deflagrante monolite nero. “Onwards To The Wall” a suo modo ci parla di una piccolissima evoluzione nello stile del gruppo. Certo rimane immutata la fascinazione per un certo modo ossessivo e martellante di suonare l’abulica cantato zombesca.

Eppure nel garage-rock crudo e sporchissimo di “So Far Away” (bellissimo il riff) qualche cosa di nuovo c’è. Forse un po’ meno rumore…e questo non potrà che deludere i fan storici della band.

La chitarra di Oliver Ackermann sembra voler dipingere con una incrementata introspettività scenari cupi e fumosi perfetti per avvolgere e imprigionare l’ascoltatore più che stordirlo e aggredirlo, si vedano la torva “Onwards To The Wall”, intrisa di scura psichedelia e darkwave peciosa, e “Nothing Will Surprise Me”, sempre sferragliante ma allo stesso tempo un po’ più “ariosa” rispetto al canone-APTBS.
“I Lost You” e “Drill It Up” aprono e chiudono una scaletta con assoluta dignità e mostrano una sezione ritmica ancora più sugli scudi del solito a fronte di una chitarra, come dire…più sibilante e meno “urlante”.
Avanti così, e buon rumore a tutti.

Cover Album

Onwards To The Wall EP
[ Dead Oceans – 2012 ]
Similar Artist: Sisters of Mercy, My Bloody Valentine, Stooges
Rating:
1. I Lost You
2. So Far Away
3. Onwards To The Wall
4. Nothing Will Surprise Me
5. Drill It Up

Ascolta “I Lost You”

Tracklist
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...